Animaletti nella pasta confezionata

29 commenti  |   stampa  |  pdf

Ho acquistato un pacco di pasta confezionata ed appena aperta ho visto che c’erano degli animaletti. Posso chiedere il rimborso?

Purtroppo la presenza di animaletti nella pasta confezionata ogni tanto si verifica e ovviamente crea un senso di disgusto. La pasta all’uscita dallo stabilimento non presenta forme di infestazione evidenti ma, nonostante i trattamenti termici della produzione, qualche uovo di insetto potrebbe “introdursi” successivamente. Le fasi di trasporto, immagazzinamento, distribuzione, etc., potrebbero avvenire in condizioni climatiche favorevoli allo sviluppo degli insetti con la conseguente infestazione della pasta. E’ evidente che il fenomeno non è repentino, ma può richiedere settimane o anche mesi per cui è importante verificare la data di scadenza della pasta.

Considerando che le cause scatenanti l’infestazione potrebbero dipendere da una qualsiasi fase della filiera di produzione, esiste una corresponsabilità tra i vari “attori” che probabilmente giocano a scaricabarile e se la cavano sostituendo il prodotto con un’altra confezione. Si ritiene comunque quanto mai opportuno segnalare i problemi che si possono manifestare in modo da fornire utili elementi alle ditte produttrici per mettere in atto ogni misura di prevenzione alla contaminazione della pasta. Anche se la presenza di insetti nella pasta dovrebbe avere scarso o nullo rilievo sanitario, si ritiene utile raccomandare di verificare la data di scadenza del prodotto che si intende acquistare, di verificare l’integrità delle confezioni e di segnalare ogni forma di anomalia.

(Agostino Macrì)

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori