Rischi del latte proveniente da vacche OGM

commenta  |   stampa  |  pdf

Sul sito di Repubblica Salute del 15.6.2011 è comparsa la notizia che in Argentina è stata clonata una mucca che produce latte umano. Qualche settimana fa dalla Cina è arrivata la notizia della disponibilità di 300 vacche che producono il latte “umanizzato”. Nello stesso articolo di Repubblica viene riportato il commento della dottoressa Klaus della LAV sui rischi della clonazione.

Si ritiene necessario chiarire quello che è successo per evitare di creare una confusione che sicuramente non aiuta nessuno.

In realtà il primo passo che è stato fatto è stato quello di produrre  una vitella modificate geneticamente con l’aberrante tecnica dell’inserzione di geni umani e, da quello che si può capire, in Argentina si è fatto soltanto questo e non c’è stata la clonazione. In Cina invece alla modificazione genetica è seguita la clonazione degli animali OGM e quindi di avere un numero più elevato di vacche.

Si è fatta quindi confusione tra clonazione e modificazione genetica che sono due tenche completamente diverse tra loro.

Gli esperimenti cinesi ed argentini debbono fare riflettere sulla disinvoltura con cui alle volte gli scienziati agiscono ignorando i più elementari principi etici.

Nel nostro Paese esperimenti di inserzione di geni umani negli animali dovrebbero avere delle autorizzazione preventive da parte di Comitati etici che agiscono con grande serietà e probabilmente anche il Parlamento verrebbe chiamato ad esprimere un proprio giudizio.

La stessa cosa purtroppo non avviene in altri Paesi e tale situazione deve essere denunciata con forza oltre che, ovviamente, mettere in evidenza potenziali rischi che possono derivare dal consumo di latte proveniente da vacche OGM.

Autore: Agostino Macrì
Data: 16 giugno 2011

Condividi

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori