Pizza: il gambero rosso da che parte sta?

commenta  |   stampa  |  pdf

Ecco una delle tante storie che ci raccontani i consumatori:

Sono andato in una pizzeria che assicura di servire una pizza napoletana che non teme confronti: appena entrato sono accolto dal proprietario, un simpatico signore di mezza età di nome Franco, con il quale mi sono messo a chiacchierare ed ho chiesto lumi su come veniva preparata la pizza per renderla così buona.

Dopo qualche insistenza mi ha fornito alcune delucidazioni: un primo segreto è la lievitazione che deve durare anche 24 ore a temperatura “leggermente tiepida”. E’ però fondamentale la qualità della farina che viene impiegata: la migliore proviene dal grano Manitoba importato dal Canada e fornisce risultati assolutamente strabilianti.

Altrettanto importante è la mozzarella che viene cosparsa sulla pizza. In grande segreto, quasi sussurandomelo in un orecchio, Franco mi dice di aver trovato un caseificio tedesco, che lo rifornisce costantemente  che ha trovato una formula quasi miracolosa  per preparare la mozzarella e che da risultati fantastici alla cottura, soprattutto al forno a legna.

Sollecitato da tanto esotismo gli ho chiesto l’origine del pomodoro e dell’olio di oliva; Franco mi ha confessato di acquistare confezioni grandi dei due prodotti che anche in questo caso soddisfano lui e la sua clientela. Ha però qualche dubbio sull’origine, soprattutto del pomodoro, che forse è cinese. Dubbi li ha anche per l’origine dell’olio che potrebbe essere di qualche Paese del Mediterraneo. Sempre in modo estremamente confidenziale mi dice quanto paga il pomodoro e l’olio di oliva; si tratta di un prezzo veramente basso e ciò insospettisce anche me della possibile origine straniera dei due alimenti.

Franco tiene molto alla salute dei propri cliente e per insaporire la pizza usa sale iodato, che previene disturbi alla tiroide e che è di provenienza indiana, naturalmente. Ma il vero punto di forza della pizzeria è il “pizzettaro”, vincitore di premi culinari che è un egiziano di grande esperienza e valore.

A questo punto mi siedo e compare il cameriere che dall’accento si capisce che proviene da qualche Paese dell’Est europeo (forse rumeno), a cui chiedo la classica “margherita” ed una birra. Mi arriva subito un bicchiere di ottima birra olandese e poco dopo una fumante pizza con una foglia di basilico dall’incerta origine geografica.

A me piace un po’ piccante e chiedo dell’olio al peperoncino; il solerte e gentilissimo cameriere mi porta una bottiglia di olio appunto aromatizzato al peperoncino che è di produzione tedesca. Allora vado a leggere la composizione e leggo che la materia prima “olio extravergine” è di produzione spagnola. Non c’è scritto da dove viene il peperoncino, ma non si può escludere che arrivi dall’Ungheria noto produttore dell’ardente frutto.

La pizza, veramente buona,  appare magnificamente tricolore così come fu fatta in onore della nostra Regina Margherita (che era Montenegrina); alle volte l’apparenza inganna perché, vista l’origine degli ingredienti e di chi ne ha curato la cottura ed il servizio, i colori dell’iride  sarebbero più appropriati.

Chissà perché la chiamano “PIZZA NAPOLETANA”?!

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 11 ottobre 2012

 

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori