Life – Food.Waste.StandUp: un progetto contro gli sprechi alimentari

1 commento  |   stampa  |  pdf

Ha preso il via il progetto “LIFEFood.Waste.StandUp”, la campagna di comunicazione e sensibilizzazione contro lo spreco alimentare e per l’aumento delle donazioni, diffusa su tutto il territorio nazionale, che per la prima volta coinvolge l’intera filiera: industria, distribuzione e consumatori.

Presentato il 16 novembre al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, il progetto LIFE-Food.Waste.StandUp è co-finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma per l’ambiente e l’azione per il clima (LIFE 2014-2020) e si focalizza sulla prevenzione e riduzione dello spreco alimentare e il recupero delle eccedenze, tema di straordinaria rilevanza sociale e ambientale.

L’iniziativa, che vanta un partenariato di filiera composto da Unione Nazionale Consumatori, Federdistribuzione, Fondazione Banco Alimentare Onlus  e Federalimentare (che ha il ruolo di capofila), prevede la realizzazione di una intensa campagna di sensibilizzazione e informazione presso tre target strategici: imprese della produzione agroalimentare, imprese della Grande Distribuzione Organizzata e consumatori.

Il progetto è stato illustrato alla presenza del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Maurizio Martina e dell’onorevole Maria Chiara Gadda, promotrice e relatrice della legge contro gli sprechi alimentari e per favorire la donazione delle eccedenze entrata in vigore lo scorso settembre, entrambi entusiasti del progetto.

L’inizio delle campagne informative è previsto per gennaio 2017. Il progetto mira a coinvolgere circa 20.000 imprese italiane agroalimentari, 12.000 punti vendita (diretti e in franchising) e 500.000 consumatori nella campagna di sensibilizzazione anti-spreco alimentare per: diffondere informazioni e modelli per la gestione eccedenze alimentari a circa 200.000 imprese alimentari europee; formare almeno 200 aziende agroalimentari e 65 aziende della Grande Distribuzione Organizzata sulle procedure di donazione e di gestione delle eccedenze alimentari. Inoltre saranno attivati 59 infopoint per i consumatori in altrettante città di 15 regioni italiane per fornire informazioni sulle pratiche anti-spreco alimentare.

Massimiliano Dona, neo presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, ha così commentato l’iniziativa che vede coinvolta in prima linea la storica associazione di consumatori: “solo con una grande alleanza tra chi produce, vende e consuma, coinvolgendo tanto i soggetti professionali che la società civile, si potrà vincere la sfida agli sprechi alimentari”. “Per questo -ha spiegato l’avvocato Dona – l’Unione Nazionale Consumatori aderisce con slancio al progetto Life Food Waste Stand Up, promosso insieme ad altre organizzazioni di spicco, nella convinzione dell’urgenza di contestualizzare presso la cittadinanza nuovi comportamenti nel rapporto con il cibo anche per aiutare le fasce più deboli e bisognose”.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 30 novembre 2016

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

GINETTO

Opero come volontario in una Mensa Caritas locale (20 pranzi giornalieri – 30 e più i giorni festivi) a parte le dotazioni Caritas o Bnco alimentare , solo un articolo ci offre i cornetti del giorno Prima o alcuni forni dove periodicamente viene prelevato o acquistato il pane,ci offrono qualche rimanenza, il commerciante dove acquistiamo la frutta non sempre ci offre qualche rimanenza. Il resto,,, bau bau…

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori