Le nostre richieste sull’olio di palma

1 commento  |   stampa  |  pdf

olio di palmaTorniamo a parlare di olio di palma, dopo le ultime dichiarazioni dell’Efsa che hanno portato il solito clamore mediatico; l’Efsa ha dichiarato: “i contaminanti da processo a base di glicerolo presenti nell’olio di palma, ma anche in altri oli vegetali, nelle margarine e in alcuni prodotti alimentari trasformati, danno adito a potenziali problemi di salute”. Ciò significa che durante le lavorazioni alimentari, in particolari durante le raffinazioni degli oli vegetali ad alte temperature si formano alcune sostanze “esteri glicidici degli acidi grassi” che potrebbero essere potenzialmente cancerogeni.

Va precisato che il rapporto dell’Efsa, quindi, non parla dell’olio di palma in sé ma di sostanze chimiche che possono svilupparsi al suo interno quando questo viene lavorato. L’Efsa ritiene che queste sostanze possano essere causa di tumore.

Al fine di minimizzare o annullare i rischi per i cittadini l’UNC chiede che le Autorità Sanitarie nazionali e comunitarie avviino tempestivamente le misure di gestione del rischio di loro competenze ed in particolare:

  1. definiscano dei limiti di tolleranza almeno provvisori dei tre contaminanti negli oli vegetali destinati direttamente o indirettamente al consumo alimentare umano
  2. impongano alle aziende alimentari il controllo dei livelli dei contaminanti nelle materie prime con l’obbligo di escludere dalla lavorazione quelle che superano i limiti stabiliti
  3. impongano il controllo della presenza delle tre sostanze nei prodotti finiti.

Queste misure sono fondamentali per evitare l’insorgere di allarmisimi tra i cittadini.

Autore: Agostino Macrì
Data: 6 maggio 2016

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Aleardo

Anzichè definire dei limiti di tolleranza di una cosa insalubre, la soluzione è di eliminare per sempre questa schifezza di olio di palma pieno di grassi saturi e che per produrlo si brucia la foresta equatoriale cancellando la biodiversità. Poi perchè dovrei mangiare quest’olio che è trasportato da decine di migliaia di chilometri quando ho in casa lo splendido olio extravergine di oliva DOP ? Quando mangio un biscotto contenente olio di palma devo anche bermi mezzo bicchiere di petrolio usato per ttrasortare l’olio da decine di migliaia di chilometri?

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori