L’angolo del notaio… quota patrimonio

commenta  |   stampa  |  pdf

Siamo quattro fratelli e vorremmo qualche chiarimento riguardo all’eventuale testamento di nostra madre. Vedova e proprietaria di una casa, se decidesse di destinare il bene immobile ad altri, il testamento non sarebbe comunque valido per effetto delle leggi sulla successione fra parenti? Ringrazio anticipatamente per una risposta e porgo distinti saluti.

I figli sono eredi per legge. Il genitore può derogare a quanto previsto dalla legge con un testamento, ma può validamente disporre solo di una quota del suo patrimonio a favore di altri o anche a favore di un solo figlio. Tale quota, cosiddetta disponibile, varia a seconda del numero dei figli e della presenza del coniuge. La disponibile è un quarto del patrimonio se vi è più di un figlio e il coniuge, è un terzo se vi è un solo figlio e il coniuge o vi sono più figli e non vi è il coniuge, è la metà se vi è solo un figlio.

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori