Blocco carte di credito senza preavviso

1 commento  |   stampa  |  pdf

Carte di credito bloccate senza preavviso dagli istituti bancari per chi ha fatto acquisti in Spagna nel 2009. Migliaia di persone si sono viste bloccate le proprie carte di credito senza preavviso. E’ come se, mentre si è sotto la doccia, l’acqua viene improvvisamente a mancare; certamente il fatto in questo caso è solo antipatico, ma nel caso del blocco di una carta di credito, magari trovandosi all’estero, il danno può essere ben più grave.

A cosa è dovuto il blocco di queste carte di credito? Pirati informatici molto raffinati (veri criminali organizzati) sarebbero riusciti a clonare alcune carte di credito di cittadini europei (anche italiani) che hanno fatto acquisti o prelievi in Spagna nel corso del 2009.

Per questo motivo, ad esempio, in Germania sono state ritirate più di centomila carte. Anche in Italia è stata adottata la stessa strategia del blocco delle carte di credito, però con alcune differenze da banca a banca. Infatti, mentre alcuni istituti di credito prima avvisano il cliente e poi stoppano il servizio, altri invece prima chiudono il rubinetto e poi inviano una lettera per informare che è necessario buttare la vecchia carta e aspettare l’arrivo della nuova, cosa questa che può avvenire addirittura anche dopo 20 giorni.

Al nostro sportello sono arrivate alcune segnalazioni di consumatori che hanno ricevuto un sms sul proprio cellulare con messaggi allarmisti. Il problema è che tali comunicazioni potevano essere scambiati per tentativi di phishing, cioè la tecnica usata proprio dai truffatori per carpire le informazioni utili per accedere ai conti online tramite messaggi o e-mail che riproducono fedelmente quella del proprio istituto bancario.

Qual è la morale di tutta questa storia? Le carte di credito non sono sicure come vogliono farci credere, le banche ci fanno scontare le loro inefficienze (perché dobbiamo stare senza carte per tutto quel tempo?).

Secondo voi qualcuno risarcirà il disagio dei clienti?

A tal proposito, sul sito www.classaction.it procede la raccolta dei casi segnalati al fine di valutare l’opportunità di avviare un’azione collettiva nei confronti di alcuni istituti bancari. Chi fosse interessato può segnalare il proprio caso allo sportello “Segnala un danno da contratto”.

Autore: Gianluca Selicato
Data: 28 gennaio 2010

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

franco

Ho subito un torto dalla banca di mia moglie ,la questione è molto semplice: avendo contratto circa 4 anni e mezzo un prestito , la cui circostanza era abbastanza soddisfacente . . però la banca fece una proposta a mia moglie di una carta di credito collegata al conto corrente . fino a qui nulla di grave poiche poteva servire in tempi magri.
poicon il tempo tutto solvibile anche se si adoperava una certa cifra su tale carta , mha per il tempo di scadenza si poteva alleviare con la stessa carta ad un piccolo prelievo , per onorare sempre le scadenze .
purtoppo arriviamo ai giorni nostri oggi3 mesi fa avendo avute piccole difficoltà , non feci toccare la pensione la quali doveva essere di restituzione a questa banca.
ma dopo tutto arriva il momento cheil debito va in pareggio
la banca allore ci apre questa carta che ritornando immacolata
ci si poteva attingere fino a 1500,00euro ma non spedo che 400 euro arrivando alla fine che il rimborso del prestito viene pagatio
però c’è un però la carta di credito mi viene chiusa senza avviso
vado per attingere il poco mancante mi trovo spaesato . perchè la banca reitera il prestito di 160 euro e blocca il tutto.ma la cosa che mi fa incazzare à che in questi 5 anni si sono appropriati con questo sistem la misera somma di 5459,00 euro .
chiesi di aprire la carta la quale attingevo questi spiccioli che dovevo loro . mi sento rispondere (mha lei vuole pagare il prestito con i solddi della banca) allora senza offesa le risposi i soldi da voi gestiti sono vostri ……… mi diede una parola oscena io sono solo l’impiegata . risposi mi faccia parlare con chi ha il potere di eseguire questa pratica , come direttrice poteva farlo!
ma disse non le faccio io le regole.
ora mi trovo con una rabbia sd senza potere fare nulla.
L’EUROPA perchè Da soldi solo alle banche….

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori