La marcatura CE: tutte le risposte

5 commenti  |   stampa  |  pdf

Che cos’è la marcatura CE?
E’ l’indicazione di conformità del prodotto ai requisiti essanziazli di sicurezza previsti da una o più direttive comunitarie.

La marcatura CE è un marchio di qualità  o di origine?
Né di qualità né di origine e non significa “Made in Europa”. Essa è esclusivamente la dichiarazione che sono stati rispettati i requisiti essenziali di sicurezza previsti dalla/e direttiva/e comunitaria/e applicabile/i

Che forma deve avedre la marcatura CE?
La marcatura CE di conformità è sostituita dalle iniziali “CE” secondo il simbolo grafico che segue:

marchio ce.jpg

In caso di riduzione o di ingrandimento della marcatura CE, devono essere rispettate le proporzioni indicate nel simbolo grafico graduato di cui sopra. – I diversi elementi della marcatura CE devono avere sostanzialmente la stessa dimensione verticale, che non può essere inferiore a 5 mm.

Dove deve essere apposta la marcatura CE?
Sul prodotto. Nel caso ciò non fosse possibile , trattandosi di dimensioni troppo piccole, sull’eventuale imballaggio e sull’eventuale documentazione di accompagnamento.

Chi deve apporre la marcatura CE?
Il fabbricante se risiede nell’unione Europea, altrimenti un suo rappresentante, da lui autorizzato, stabilito nella UE. In mancanza anche di quest’ultimo, la responsabilità della marcatura CE ricade sul soggetto che effettua la prima immissione del prodotto nel mercato comunitario.

Quando deve essere apposta la marcatura CE?
Prima che il prodotto sia immesso sul mercato, salvo il caso che direttive specifiche non dispongano altrimenti.

Tutti i prodotti  devono avere la marcatura CE?
No, soltanto quelli che ricadono sotto le “Direttive comunitarie cosiddette del nuovo approccio (es. Giocattoli, tutti i prodotti elettrici, occhiali da sole e da vista, apparecchia a gas o a pressione.)

I componenti dei prodotti devono anch’essi avere la marcatura CE?
NO, se la commercializzazione avviene tra utilizzatori professionali, cioè se detti componenti sono assemblatiin prodotti più complessi e non più utilizzabili separatamente.
SI, se sono disponibili sul mercato agli utilizzatori finali come ad esempio parti di ricambio.

Quali sono gli obblighi del fabbricante?
Immettere sul mercato solo prodotti sicuri e conformai requisiti contemplati dalle direttive sotto cui il prodotto ricade, in particolare i requisiti di sicurezza

Quale documentazione deve preparare il fabbricante?
Il fabbricante è tenuto a redigere una “dichiarazione CE di conformità, in cui indica le Direttiva applicata e le norme tecniche utilizzate; deve inoltre predisporre e custodire un “fascicolo tecnico” descrittivo delle caratteristiche tecniche del prodotto e delle prove da lui effettuate comprovanti la sicurezza del prodotto stesso. Tale documentazione deve essere disponibile a richiesta delle Autorità competenti a sorvegliare il mercato.

Che cos’è un organismo notificato (ON)?
E’ un Istituto tecnico riconosciuto dalle Autorità Competenti di uno Stato Membro della UE e notificato alla Commissione europea. L’organismo, sulla base delle prove di laboratorio, accerta la conformità dei prodotto e dei requisiti essenziali di sicurezza prescritti dalla/e Direttiva/e che li riguardano.

Quando è necessario l’intervento degli ON?
Quando è espressamente previsto dalle Direttive. In genere, ciò avviene quando si tratta di prodotti particolarmente pericolosi (es. apparecchi a gas, apparecchi a pressione). Negli altri casi il fabbricante può “autocertificare” il prodotto apponendo la marcatura CE, dopo aver proceduto geli stesso alle verifiche di rispondenza ai requisiti di sicurezza richiesti dalle Direttive stesse.

Quali sono i prodotti di largo consumo che non devono riportare la marcatura CE?
L’elenco è molto ampio. Gli esami più comuni sono: mobilio in legno porte blindate, infissi, avvolgibili, articoli per il giardinaggio, orologi, strumenti musicali non elettrici, materassi, forbici, coltelli, stoviglieria, prodotti tessili, arredi bagno, pavimenti, rivestimenti, calzature, valigeria

A chi può rivolgersi il consumatore per segnalare un prodotto privo della marcatura CE ovvero recante una marcatura palesemente contraffatta o presente su un prodotto che non deve riportarla?
Può inoltrare una segnalazione ai Ministeri competenti per materia (es. Ministeri delle attività produttive per giocattolo o materiale elettrico; es. al Ministero della salute per lenti a contatto correttive, occhiali da vista);inoltre può rivolgersi, per consigli ed assistenza ad un’associazione a tutela dei consumatori.

(Unione Nazionale Consumatori)

 

 

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Davide

Salve,

se acquisto un prodotto su un sito di e-commerce, il quale questo sito non è del produttore o distributore del prodotto (ma il sito ne fa solo come canale di vendita) e mi accorgo che il prodotto non è conforme CE, in tal caso la responsabilità ricade sul sito di vendita o sul produttore/distributore del prodotto? (il quale può scegliere anche altri canali di vendita?)

Ringrazio chi sa dare una risposta.

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Gentile Davide, la responsabilità per la non conformità del prodotto è sempre del venditore, quindi in questo caso del sito su cui ha fatto l’acquisto. Se non sono passati ancora 14 giorni dalla consegna, può ancora esercitare il diritto di recesso.
Se ha bisogno di ulteriore assistenza contatti i nostri esperti attraverso lo sportello E-commerce a questo link http://www.consumatori.it/sportello-e-commerce/

Davide

Grazie,

quindi, da come ho capito, anche se i siti fanno “solo” da tramite ad altri venditori, che possono essere privati e non (come il famoso sito di aste, e per non fare nomi precisi l’altro sito che prende il nome da una foresta…)la responsabilità di eventuali non conformità ecc… è sempre loro, (dei siti) e non dei venditori che li utilizzano come “vetrina”.

Grazie per la risposta e per il link.
Cordiali saluti.

Arcos Enterprise

Buongiorno,
la mia azienda si occupa della progettazione , assemblaggio e vendita di apparecchiature domestiche per la purificazione delle acque bianche.
Considerando il fatto che la componentistica (pre filtri , filtri , membrane , raccorderia , tubazioni ecc) è già certificata CE da colossi presenti sul mercato ormai da anni, è sorto il seguente dubbio.
Il mio macchinario necessita di marchiatura CE,per la vendita nel territorio nazionale?

in attesa di un vostro riscontro si porgono

Distinti Saluti

Arcos Enterprise

Unione Nazionale Consumatori
Unione Nazionale Consumatori

Spett.le Arcos Enterpriese, la ringraziamo per la segnalazione. Tuttavia come evidenziato, questo spazio è stato creato per i commenti all’articolo, Le chiediamo pertanto di utilizzare lo sportello che trova in questa pagina http://www.consumatori.it/sei-una-azienda/

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori