Grande Fratello: arriva la multa dell’Antitrust

commenta  |   stampa  |  pdf

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha multato Rti – Mediaset per le scorrettezze denunciate nei mesi scorsi dalla nostra Unione Nazionale Consumatori.  L’Antitrust ha, infatti, comminato all’azienda del Biscione una sanzione di 100 mila euro (poi ridotti a 60 mila euro per l’atteggiamento collaborativo dell’emittente) per pratica commerciale scorretta, relativa la trasmissione “Grande Fratello”.

A seguito della nostra segnalazione l’AGCM ha riconosciuto che ‘il meccanismo del televoto, così come predisposto da RTI, non prevedeva alcuna forma di limitazione o di filtro al fine di ostacolare, o comunque rendere difficile, l’intervento di soggetti professionali, diversi dai meri telespettatori’. Un’altra irregolarità finita sotto accusa riguarda la puntata del reality condotto da Alessia Marcuzzi, andata in onda lo scorso 7 marzo: dopo una settimana di votazioni del pubblico per scegliere chi tra Biagio D’Anelli, Davide Baroncini e Angelica Livraghi dovesse lasciare il gioco, infatti, si decise di lanciare un nuovo televoto in diretta per decretare l’eliminato tra i due concorrenti che avevano ricevuto il maggior numero di preferenze (Baroncini e Livraghi).

Questa seconda votazione fu irrituale, rappresentando una inutile e dispendiosa duplicazione di voti, come ha oggi riconosciuto anche l’Autorità che ha, inoltre, ribadito l’obbligo per l’azienda di dare al pubblico le informazioni corrette e trasparenti circa le operazioni di voto.

Il provvedimento dell’Antitrust segna una tappa importante nella nostra sfida alla televisione che tradisce gli utenti lucrando in modo scorretto sul desiderio dei telespettatori di interagire con determinati programmi: i reality sono stati finalmente messi a nudo ed ora si mostrano per quel che sono: un vile strumento di approfittamento della dabbenagine di chi crede di poterne decidere gli esiti televotando da casa.

Ma l’Unione Nazionale Consumatori non si fermerà qui: Massimiliano Dona invita gli interessati a segnalare la propria posizione sulla pagina Facebook “petizione per un televoto pulito” perché l’Unc andrà fino in fondo annunciando di avere in cantiere “una class-action per ottenere il rimborso dei soldi spesi per televotare.

Autore: Simona Volpe
Data: 25 luglio 2011

 

Condividi

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori