Multata Renault dopo la nostra segnalazione

2 commenti  |   stampa  |  pdf

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha multato di 35 mila euro Renault S.P.A. a seguito di una segnalazione della nostra associazione.

Nei mesi scorsi, infatti, denunciammo l’azienda automobilistica per aver omesso l’informativa sul diritto di recesso, riconosciuta sui contratti a distanza, nella comunicazione commerciale relativa alla vendita online di autoveicoli sul sito www.dacia.it; in pratica, l’utente soltanto dopo aver concluso l’acquisto e aver versato una caparra di 500 euro aveva finalmente accesso alle ‘Condizioni generali di vendita online veicoli nuovi Dacia da praticare alla clientela’, contenenti le informazioni sul recesso in favore dell’acquirente. “Tutto ciò -commenta Raffaele Caracciolo, esperto di automotive dell’associazione- è evidentemente una grave violazione del diritto all’informazione del consumatore, principio cardine nei contratti a distanza. Come è noto, infatti, l’articolo 49 del Codice del Consumo prevede che in tempo utile, prima della conclusione di qualsiasi contratto a distanza, il consumatore debba ricevere, tra le altre, le informazioni sull’esistenza del diritto di recesso e sulle modalità  e tempi di restituzione del bene in caso di esercizio del diritto stesso”.

Come se non bastasse, l’azienda chiedeva al consumatore che recedeva un addebito di 5 euro per ogni chilometro percorso dal veicolo in eccesso, rispetto ai 120 chilometri complessivi percorsi dal momento della consegna del veicolo a quello della riconsegna dello stesso. Oggi la multa dell’Antitrust conferma i nostri sospetti di ingannevolezza e dimostra, qualora ce ne fosse bisogno, il valore aggiunto della nuova direttiva (decreto 21/2014) che chiarisce molti aspetti della vendita a distanza, superando gli ostacoli che sinora impedivano di concludere in sicurezza l’acquisto di veicoli sul web.

“E’ una bella vittoria per l’Unione Nazionale Consumatori -commenta il Segretario generale Massimiliano Dona- anche perché si tratta dell prima concreta applicazione della direttiva sui contratti a distanza, entrata in vigore lo scorso giugno”.

Autore: Simona Volpe
Data: 17 ottobre 2014

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

zeno orlandi

Nelle mie ricerche anti vessazioni d/r ho scaricato le condizioni online. Sono oltre ogni limite di dignità: nell’art.10 segnalano come ex gli art del cdc, poi nel testo hanno lasciato i 10gg per il recesso e i 30 per la resa della caparra.
http://www.dacia.it/dacia-store/popins/popinCGV.jsp?popup=true
Grazie dell’attenzione
Zeno orlandi

Raffaele Caracciolo

e questo è il senso dell’intervento dell’AGCM, sulla base della nostra segnalazione.
è il segno che c’è sempre meno spazio per le furbate, e non si può scherzare con le informazioni al consumatore PRIMA dell’acquisto.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori