Packaging Design: forme che parlano

1 commento  |   stampa  |  pdf

Bevande iconiche immancabili nel nostro frigorifero, vini e liquori con cui abbiamo brindato agli eventi importanti, la boccetta del profumo che usava nostra madre… i contenitori e le loro forme costellano le nostre vite e sono capaci di evocare ricordi e sensazioni. Per questo il design del packaging dei prodotti che consumiamo ha un’importanza fondamentale: esso deve essere funzionale, certo, ma anche unico, facilmente identificabile, capace di sintetizzare i valori di un brand e, perché no, essere il più possibile bello, se non addirittura di valore artistico.

Il vetro, grazie alle caratteristiche che abbiamo imparato a conoscere ed apprezzare, è un materiale che particolarmente bene si presta alle esigenze di cui stiamo parlando. La sua malleabilità in fase di lavorazione, le sue numerosissime possibilità di colorazione, e anche la sua resistenza e sicurezza gli permettono di adattarsi alle richieste sempre crescenti del mercato al fine di realizzare prodotti che sempre più spesso si identificano con lo stesso design del contenitore.

I contenitori “on demand” nascono dalla stretta sinergia tra i produttori vetrari e il designer, ma, soprattutto, sono frutto di un lavoro di alta specializzazione della vetreria che dovrà realizzare un prodotto efficace ed efficiente da presentare al proprio cliente.

Forme differenti caratterizzano inequivocabilmente una marca e le sue peculiarità (storicità, artigianalità, autorevolezza) o anche un prodotto e le sue caratteristiche: le silhouette sinuose di una bottiglia identificano un certo gusto morbido o una consistenza cremosa, forme più aguzze possono suggerire sapori più decisi. Oppure pensiamo al campo della cosmesi dove non solo il contenitore in vetro identifica un prodotto più pregiato, ma ci si può sbizzarrire al punto di imitare nel packaging le trame di un tessuto iconico identificativo di un brand.

E non c’è solo la forma: fondamentale è l’importanza del colore e della trasparenza e anche la possibilità del contenitore in vetro di presentare incisioni e rilievi.

Insomma, le esigenze comunicative di un brand vanno ben al di là del solo prodotto che esso rappresenta: una forma racconta una sostanza, una storia, un progetto, un’idea. Un contenitore, soprattutto se in vetro, può aiutarci a dire tutto questo, aggiungendo eleganza, stile e solidità.

Data: 30 aprile 2014
in collaborazione con Assovetro

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

vincenzina

buongiorno, sono molto d’accordo con quello menzionato nell’articolo io sarei interessata in futuro di articoli di piccole dimensioni ma molto particolari per immettere in commercio un prodotto molto particolare, intanto vi ringrazio e vi invio distinti saluti.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori