Prestito ipotecario vitalizio per gli over 60

39 commenti  |   stampa  |  pdf

Il prestito ipotecario vitalizio è stato approvato dalla Commissione finanze del Senato. L’Abi, Associazione bancaria italiana, ha valutato molto positivamente l’introduzione di questa nuova forma di finanziamento agli over 60. Questa nuova tipologia di credito si aggiunge alle altre numerose opportunità finanziarie predisposte dal mercato creditizio per assecondare le esigenze più svariate dei clienti bancari. Quando si sceglie di ricorrere al denaro delle banche, infatti, è opportuno tener conto che il finanziamento più adeguato è sempre quello che meglio risponde alle esigenze del singolo. Per trovare la proposta di credito maggiormente vantaggiosa è possibile mettere i mutui dei vari istituti di credito a confronto così da selezionare in pochi minuti la soluzione ottimale.

La maggior parte degli ultrasessantenni italiani detiene un immobile di proprietà, tuttavia tali categorie difficilmente riescono ad accedere alle offerte di credito bancarie e ad ottenere la liquidità necessaria per far fronte ad acquisti improvvisi, spese mediche o per aiutare i figli in difficoltà. La legge su prestito ipotecario vitalizio era stata predisposta sin dal 2005 ma solo recentemente il Parlamento ha scelto di rimodularne i termini fornendo agli over 60 un’alternativa alla nuda proprietà.

Concretamente il prestito ipotecario vitalizio consente a coloro che hanno superato i 60 anni, di convertire parte del valore dell’immobile di proprietà in liquidità da utilizzare per far fronte ad esigenze di consumo. Uno dei principali vantaggi di tale formula – sottolinea l’Abi – è la possibilità di restare nella propria casa senza la necessità di ripagare il capitale e gli interessi sul denaro fornito dalla banca.

Secondo gli esperti dell’Osservatorio SuperMoney la legge sul prestito ipotecario vitalizio aiuterà, in particolare, gli over 60 in difficoltà che potranno così avere un adeguato tenore di vita senza rinunciare alla proprietà dell’immobile. SuperMoney ha analizzato l’andamento della domanda di credito da parte degli ultrasessantenni al fine di comprendere quali saranno gli effetti e gli eventuali vantaggi connessi al prestito ipotecario vitalizio.

Secondo gli ultimi dati, su un totale di 81.374 domande di prestito, ben 12.669 sarebbero state avanzate dagli over 60. Tra le motivazioni più diffuse troviamo, con il 31.17% la richiesta di liquidità. La maggior parte delle volte tale necessità è connessa al desiderio di aiutare i figli in difficoltà.

A seguire troviamo le spese straordinarie legate alla casa, come ad esempio i lavori di ristrutturazione, che sono alla base del 24.53% delle richieste. Più preoccupanti sono invece i casi di “consolidamento”, ovvero di prestiti finalizzati al pagamento di rate per precedenti finanziamenti, che rappresentano il 13.62% delle richieste. In seguito troviamo le spese economicamente più impegnative, come l’auto, le ricorrenze speciali, la salute e i viaggi.

A tutelare gli interessi degli eredi è la possibilità concessa ai figli di decidere se estinguere il debito, nel caso in cui non fosse stato interamente ripagato, o vendere l’immobile ipotecato a garanzia. In questo caso potranno restituire quanto dovuto, avendo anche la facoltà di concordare le modalità di rimborso. Ovvero, scegliere se corrispondere gradualmente gli interessi maturati e le spese, o restituirli in un’unica soluzione alla scadenza del finanziamento.
Claudio Pacella, amministratore delegato di 65Plus, società di consulenza finanziaria specializzata nelle soluzioni dedicate agli over 65, ha riferito che: “questa nuova legge consentirà ai cittadini di avere un quadro normativo più completo ed alle banche di poter investire senza esporsi a rischiose sofferenze. Una grande opportunità per gli over 60 e per le loro famiglie. Un volano finanziario utile ai singoli e al Paese in generale”.

Potrebbero essere circa 20.000 i prestiti stipulati per mezzo di questa formula, equivalenti a 2 milioni di euro di erogazioni, ma non si esclude che il numero reale possa salire ulteriormente. In altri Paesi, come ad esempio l’Inghilterra, questa soluzione ha già sviluppato 1,7 milioni di erogazioni.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 24 marzo 2015

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

felice orazi

Vorrei sapere da voi se esiste una reale possibilità che il prestito vitalizio over 60 venga realmente attuato. Ho cercato di scrivere al vs. presidente su questo ma non ho avuto risposta

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buongiorno, ci dispiace ma non ce ne occupiamo direttamente, dovrebbe chiedere maggiori informazioni all’abi o alla sua banca.
Grazie di averci scritto.

2016

se sono in causa x pignoramente si puo’ avere il prestito over 60?

valtertommasini

terzo capoverso ultima frase omissis… senza la necessità di ripagare capitale ed interessi omissis… MA COSA SIGNIFICA ?
così come scritta non dovrei restituire nulla ! ! !

zelia

BUONA SERA
IN CASO DI PRESENZA DI UN CONIUGE , SE MUORE IL MARITO CHE HA RICHIESTO IL MUTUO CON PRESTITO IPOTECARIO VITALIZIO LA MOGLIE PUO’ RIMANERE NELLA CASA DOE ABITAVA CON IL MARITO?
ALTRA DOMANDA: SE CHI FA IL CREDITO VITALIZIO PUO’ SE REPERISCE IL DENATO RECEDERE PAGANDO QUANTO DOVUTO?
LA SOMMA SARA’ UGUALE A QUELLA EROGATA O DOVRANNO ESSERE CONTEGGIATI DEGLI INTERESSI ED IN QUESTO ULTIMO CASO CHE TIPO DI INTERESSI (CONSIDERANDO CHE POSSONO VARIARE DA ISTITUTO AD ISTITUO)?
GRAZIE

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori