Carte di credito prepagate: quali sono i vantaggi?

5 commenti  |   stampa  |  pdf

carte di credito prepagateLe carte di credito prepagate possono essere una valida soluzione per gestire le spese e quindi monitorare le uscite mensili. A differenza delle normali carte di credito, le carte di credito prepagate non sono collegate ad un conto corrente, quindi rappresentano una sorta di portafoglio virtuale che l’utente può ricaricare periodicamente versando una qualunque cifra. In questo modo è possibile gestire in tranquillità le proprie spese avendo la certezza di non poter sforare il tetto massimo di spesa, e quindi non compromettere le proprie finanze.

Carte di credito prepagate: come richiederne una?

Dunque le carte di credito prepagate possono essere una valida soluzione per tutte le vittime dello shopping e per tutti quelli che proprio non riescono a gestire le proprie finanze. Avere una di queste carte è semplicissimo, basta rivolgersi ad un qualunque istituto di credito muniti di un documento d’identità e seguire la relativa procedura. Fatto questo si può subito eseguire la prima ricarica, scegliendo se utilizzare dei contanti, una qualunque altra carta o un bonifico. In genere la ricarica è immediata e consente di effettuare subito gli acquisti

Per godere a pieno dei vantaggi offerti da questa soluzione di pagamento occorre valutare con attenzione le proposte del mercato, scegliendo la carta di credito ricaricabile conveniente e in linea con le proprie esigenze. Nello specifico occorre valutare:

  • la tipologia della carta, se ricaricabile o usa e getta;
  • l’ammontare dei costi di gestione, ovvero la quota di rilascio, la quota associativa annuale, eventuali commissioni di ricarica e di prelievo, ed se sono previste delle spese per le procedure di consultazione del saldo.

Quali sono i vantaggi offerti dalla carte di credito prepagate?

Oltre alla garanzia di una gestione più attenta delle proprie risorse economiche, le carte di credito prepagate offrono diverse possibilità di impiego, dagli acquisti effettuati nei punti vendita tradizionali fino agli acquisti online. A tal proposito è bene ricordare che proprio la mancanza di un accesso diretto al conto corrente dell’intestatario, rende queste carte particolarmente sicure per lo shopping online, rendendo impossibile ogni caso di truffa e accesso alle proprie finanze.

Con queste carte è possibile prelevare del contante da qualunque sportello bancomat e garantire l’anonimato dei propri dati durante le operazioni di acquisto e pagamento. Inoltre possono essere un valido strumento per “responsabilizzare” i giovani e renderli più attenti nella gestione del denaro. Le carte di credito prepagate sono ideali anche per viaggiare perché consentono di liberarsi dal pensiero del contante e di poter effettuare acquisti anche all’estero. Le carte prepagate sono utilizzate praticamente in tutto il mondo, perché appartengono ai maggiori circuiti di pagamento come PagoBancomat e Visa Electron e MasterCard.

Tra le ultime novità occorre segnalare l’adozione della tecnologia contactless, ovvero basata sulla tecnologia RFID (Radio Frequency IDentification). In questo caso la transazione viene effettuate senza digitare alcun codice pin e senza firmare lo scontrino. Tutto questo a patto che la somma da versare non superi i 25 euro e la transazione avvenga in un esercizio commerciale dotato di un lettore contactless.

E i punti critici?

Anche in questo caso non mancano degli aspetti critici che riguardano nello specifico le commissioni previste in caso di prelievo e acquisto, che potrebbero pesare se la carta è usata in modo particolarmente intenso. Per questo bisogna prestare molta attenzioni a tutte le voci di costo riportate nel contratto. Una regola universale, valida per qualunque tipo di soluzione.

Sull’argomento potrebbe interessarti anche Carta clonata: la banca paga

Per avere maggiori informazioni sull’utilizzo della carta di credito e per eventuale assistenza è possibile contattare i nostri esperti attraverso lo sportello Banche sul nostro sito.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 30 marzo 2016

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Cristina

Sconsiglio a tutti RI MONEY della UNIPOL. Comprata alla Coop liguria che mi ha scaricato a Banca UNIPOL che mi scaricato a CARTASI, per avere saldo ho speso 2 euro e tre telefonate. Avevo anche un credito da una CARTASI precedente ma, … non mi restituiscono nulla. In Emilia Coop estense ha ritirato questa carta dalle coop….

adelfia franchi

Buona sera, vorrei sapere se la carta ricaricabile va inserita nell isee. Grazie

Maucci Mario

Quasi sempre le comodità si pagano purtroppo però la praticità è molto comoda,evita di fare viagi spesso in banca che per gli anziani spesso corono anche dei pericoli di furto o di cadute
e spesso costi di trasporto e quindi di multe o meglio ancora tamponamenti ecc.
Distinti saluti. apprezzo molto il vostro lavoro vi appoggio in ogni mossa.

Luigi Civita

Spiegazione chiara e molto utile. Grazie.

Gianni Santillo

Ottima informazione: sintetica ma completa e chiara

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori