BANCHE: è ora di agire su Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca

7 commenti  |   stampa  |  pdf

Numerosi consumatori si sono rivolti all’Unione Nazionale Consumatori a seguito della maxi svalutazione delle azioni operata da Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Ecco cosa fare per far valere i propri diritti….

Roma, 22 giugno 2015 – “A due mesi  dalla maxi svalutazione delle azioni operata da Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca e dopo aver parlato con molti clienti delle due banche che si sono rivolti alla nostra associazione per ricevere assistenza, è ormai indubbio che i due istituti di credito, non solo non hanno spiegato che le azioni erano prodotti finanziari illiquidi per i quali sussistevano difficoltà di smobilizzo, ma le hanno, al contrario, proposte come un investimento sicuro, a capitale garantito, trasformabile in denaro contante in qualunque momento il cliente ne avesse fatto richiesta”, è quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario Generale dell’Unione Nazionale Consumatori (http://www.consumatori.it).

“L’operato delle due banche è censurabile sotto molteplici profili: dall’assenza di trasparenza e correttezza nel proporre l’investimento all’assenza di un’effettiva valutazione dell’adeguatezza dell’investimento con riferimento alle caratteristiche personali dei clienti ed alla specificità del prodotto proposto, solo per fare alcuni esempi”, aggiunge Valentina Greco, legale dell’Unione Nazionale Consumatori, che prosegue: “abbiamo iniziato ad inviare delle diffide alle banche nelle quali, oltre, a contestare i profili suindicati, chiediamo l’invio dei documenti che l’istituto di credito per legge è obbligato a consegnare al cliente quando propone un investimento perché, non di rado, la banca risulta inadempiente anche sotto questo aspetto con conseguenze negative a suo carico sotto il profilo del risarcimento del danno”.

I consumatori interessati possono segnalare il caso accedendo all’area “Segnalaci un problema” sul nostro sito oppure scrivendo a segnalazioni@consumatori.it indicando nell’oggetto “BPV” O “VB”.

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Carlo

Alle varie richieste di cedere le azioni , ponderavano una perdita di rivalutazione delle stesse . Anzi proponevano ulteriore acquisto affermando che anche i dipendenti della banca compravano azioni in vista di vantaggi futuri. Da 62,5 a cent.

luca

mi hanno venduto le azioni dicendomi di fare un piano di accantonamento di 100 euro al mese.invece ho firmato un finanziamento per comprare le stesse me ne sono accorto perchè ho avuto segnalazioni in crif di un finaziamento che nno capivo cosa era….vera truffa

felolitana

possibile che siamo stati truffati e non possiamo fare nulla contro questi ladroni autorizzati?
dato che questi soldi non li possono avere i nostri figli non li mangeranno nemmeno i loro
l’unica cosa da fare e imbracciare i forconi

STEFANO

ho acquistato azioni veneto banca, siete davvero convinti che si possa fare qualcosa per ottenere almeno il rimborso di quanto indicato come valore ? meglio ancora pensate possano esserci gli estremi per un rimborso totale.
io sono come tanti stato obbligato ad acquistare azioni, ma chiaramente non ci sono prove, come posso fare ?
grazie

petrin silvio

volevo segnalare il mio problema sono azionista di banca pop vicenza l’anno scorso a maggio ho messo in vendita una buona parte di azioni perchè dovevo fare dei pagamenti dopo un anno dalla messa in vendita delle azioni mi ritrovo senza i miei risparmi e le azioni dequrtate da 62’50 a 48 euro senza sapere quando verro in posesso dei miei risparmi di 40 anni di lavoro questa mattina sono andato a trovare il direttore della banca per sentire se aveva delle novita se mi poteva dare i miei soldi investiti in az la risposta datami se volevo i soldi mi facevano un prestito al tasso 1’5 per 100 faccio presente in questa segnalazione che quando mi hanno convinto tempo fa di investire in azioni gli impiegati con il direttore mi hanno promesso mari e monti non cera milior investimento e se avessi voluto vendere nel giro di un mese dicevano avevo i miei soldi distinti saluti un penzionato petrin silvio

Beppe

Anch’io come te azionista della popolare ,E pensa che parlano che entrerà in borsa con un valore attuale di 1/7.30 mi he stato riferiti la settimana scorsa in banca !! = bruciati

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori