BANCHE – No al blocco delle carte di credito senza preavviso

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 29 gennaio 2010 – “E’ inammissibile che gli utenti debbano scontare le inefficienze di banche le cui carte di credito messe in circolazione possono rivelarsi poco sicure”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, commentando le diverse segnalazioni pervenute negli ultimi tempi all’associazione da parte di utenti che si sono visti bloccare la carta di credito senza alcun preavviso.

“Il motivo del blocco da parte delle banche -spiega Dona- sembra dovuto alla clonazione di alcune carte di credito di cittadini europei essere (anche italiani) che hanno fatto acquisti e prelievi in Spagna nel corso del 2009”.

“Se però alcuni istituti di credito hanno ben pensato prima di avvisare il cliente e poi di interrompere il servizio, altri hanno prima ‘chiuso il rubinetto’ e, solo in un secondo momento, inviato una lettera agli utenti invitandoli a buttare la vecchia carta e aspettare l’arrivo della nuova. Un’attesa -prosegue Dona- che si è potuta protrarre per oltre 20 giorni, creando non poche difficoltà agli utenti, specie quelli che, trovandosi all’estero, hanno vissuto il disagio di non poter effettuare operazioni con la propria carta di credito”.

“Da parte nostra -conclude Dona- continua la raccolta di segnalazioni, al fine di valutare l’opportunità di avviare un’azione collettiva nei confronti di alcuni istituti bancari. Chi fosse interessato può segnalare il proprio caso anche sul sito www.classaction.it ”.

Roma, 29 gennaio 2010

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori