CANONE RAI: troppi 100 euro, deve scendere a 77 euro

2 commenti  |   stampa  |  pdf

L’UNC denuncia i possibili disguidi e fa proposte per il recupero dell’evasione alternative al canone in bolletta. No alle 10 rate.

Roma, 19 novembre 2015 – “Troppo elevato il canone Rai a 100 euro. Il Governo dica chiaramente che intende aumentare il gettito complessivo del canone. Anche se nella legge di stabilità è scritto che le eventuali maggiori entrate versate a titolo di canone di abbonamento alla televisione saranno destinate al fondo per la riduzione della pressione fiscale o, come proposto, ad aumentare la soglia di esenzione per i pensionati portandola da 6.500 a 8mila euro, cosa in sé condivisibile, si tratta, comunque, di una misura iniqua, dato che il canone è un’imposta uguale per tutti, che pagheranno anche quei pensionati che beneficeranno dell’aumento della soglia di esenzione, salvo quei pochi che non lo devono pagare perché hanno più di 75 anni e sono poveri” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori.

Secondo uno studio dell’associazione di consumatori, anche se l’importo si abbassa di 13,50 euro rispetto al 2015, l’aumento forzoso degli abbonati consentirà un maggior gettito variabile da 401 a 757 mln. Per mantenere il gettito 2016  invariato rispetto a quello precedente, anche conteggiando gli utenti morosi, il canone dovrebbe essere, nell’ipotesi più benevola, prendendo per buoni i dati considerati nella nota tecnica della Legge di stabilità, di 82,5 euro (cfr tabella), ipotizzando un recupero totale dell’evasione, o al massimo 90,5 euro se si considera, in via prudenziale, un residuo di evasione pari al 7%. In pratica gli abbonati dovrebbero pagare da 9,5 a 17,5 euro in meno.

tabella-canone-rai

Se, invece, più realisticamente, consideriamo, come ipotesi, i dati Istat, secondo i quali il numero di famiglie che posseggono almeno un televisore sono 24 mln e 199 mila e consideriamo gli abbonati del 2014 e non quelli vecchi del 2013 contenuti nella Nota tecnica della Legge di stabilità allora l’importo del canone dovrebbe fluttuare tra 77 ed 83 euro (se resterà un 7% di evasori).
Se, infine, partendo sempre dal dato Istat di 24 mln e 199 mila famiglie, consideriamo il gettito effettivamente percepito nel 2013 dalla Rai per il canone ordinario, escludendo cioè i morosi che non hanno pagato, allora il prossimo canone, per mantenere invariato il gettito “reale”, dovrebbe fluttuare tra 68,5 euro, se si recupererà in toto l’evasione, e 73,5 euro, se resterà un 7% di evasione.

L’UNC evidenzia, poi, i problemi che sorgeranno, ad esempio, per chi paga la tariffa D3, che viene applicata sia ai contratti stipulati nelle abitazioni di residenza con impegno di potenza superiore a 3 kW sia a quelli stipulati per le abitazioni non di residenza, che il canone Rai, invece, non devono pagarlo.  “Le società elettriche dovrebbero distinguere i due casi, ma visto che non sanno nemmeno inviare le bollette della luce, come dimostra l’apertura dell’istruttoria dell’Antitrust proprio su questo argomento, dubitiamo siano così brave nel farlo” ha proseguito Dona.

“Problemi sorgeranno anche nel caso in cui l’intestatario del contratto di fornitura elettrica sia diverso da chi ha pagato fino ad oggi il canone Rai. Un classico è la moglie che paga la bolletta della luce ed il marito l’abbonamento alla tv. Il rischio, molto forte, è che alla moglie sia chiesto il pagamento del canone già pagato dal marito, oppure che la moglie paghi, ed il marito, vecchio abbonato, sia considerato un evasore. Insomma, l’inversione dell’onere della prova previsto nella Legge di stabilità, costringerà, nella migliore delle ipotesi, milioni di consumatori a produrre documentazioni e prove per dimostrare la propria innocenza” ha proseguito Dona.

Una cosa assurda, se si considera che esistono sistemi molto più semplici per affrontare il problema:
1) modificare il Regio decreto legge n. 246 del 1938, in modo che l’obbligo del pagamento del canone non sia legato alla detenzione dell’apparecchio, ossia al possesso, ma alla proprietà. In tal modo, basta che chi compra un televisore sia automaticamente registrato dal negoziante ed i suoi dati e la fotocopia della sua carta d’identità sia trasmessa all’agenzia delle entrate (già oggi si fa cosa analoga quando acquisti una nuova sim per il telefonino…). Una cosa che non si può fare fino a che conta il possesso e non la proprietà.
2) incrociare i dati con gli abbonati alle pay tv.
3) coinvolgere i comuni nella lotta all’evasione, considerato che le antenne sui tetti sono un buon indicatore del possesso della tv.

No, infine, dell’Unione Nazionale Consumatori, al pagamento in 10 rate. “Il pagamento in 10 rate è pericoloso, perché aumenta il rischio che il consumatore non si accorga nemmeno del pagamento del canone, non notando l’aumento anomalo della bolletta. Così finirà per pagare, anche se il televisore non ce l’ha o il pagamento è già stato fatto da altri componenti della famiglia. Chiediamo, quindi, che le 10 rate siano possibili solo a fronte di una richiesta del consumatore. Una facoltà, non la regola. Tanto più che le rate dovrebbero essere 6 e non 12, visto che le bollette sono bimestrali” ha concluso Massimiliano Dona.

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

carlo

Salve, non condivido assolutamente la vostra posizione, scusatemi, aldilà della morosità (che per me ci può stare per la RAI) il problema e, se facciamo passare anche questa allo stato italiano del canone RAI in bolletta, questi si sentiranno autorizzati ogni volta a inserire in bolletta luce anche altri tipi di pagamenti e la democrazia così dove e andata? Penso invece che i punti salienti sarebbero che dovreste battervi di più per l’Abolizione di questa ulteriore tassa di possesso ed eventualmente far decidere con una scheda prepagata al cittadino se vedere la RAI oppure NO!, il punto e la purtroppo perchè secondo me sarebbero molti gli italiani che non vedrebbero più i programmi RAI. Basta dico Basta a tali sopprusi, se io tolgo dalla bolletta Luce la quota RAI e pago con un semplice bollettino postale in bianco cosa succede? Divento moroso per la RAI oppure per l’ENEL?.
Carlo

Salvatore Triarico

Segnalo risciò moltiplicazione di pagamenti che potrebbe danneggiare chi non ha mai evaso il canone Rai., come nel caso di più” forniture Enel: garage e/o seconda casa intestata al coniuge

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori