C’E’ VINO E VINO – Dalle analisi effettuate è emerso un quadro rassicurante

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 22 dicembre 2010 – “E’ emerso un quadro rassicurante sulla qualità del vino disponibile sul mercato in Italia: ad eccezione di casi marginali e di scarsa significatività, i campioni analizzati non hanno infatti evidenziato irregolarità". E’ quanto rende noto Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), commentando le analisi di laboratorio effettuate su 64 tipi di vino, italiani e stranieri, al fine di verificarne alcuni parametri chimici di sicurezza.

"L’attività di analisi -spiega Dona- è stata eseguita nell’ambito del progetto ‘C’è vino e vino’, realizzato dalla nostra Unione con il contributo del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, per rilevare eventuali anomalie e potenziare l’attività di informazione ed educazione dei consumatori, anche a salvaguardia dell’immagine delle produzioni vinicole".

"Le indagini analitiche a carattere conoscitivo -prosegue Dona- sono state compiute su campioni acquistati in alcuni esercizi commerciali di Roma e sono state realizzate a seguito delle segnalazioni giunte alla nostra Associazione da consumatori che ci hanno manifestato dubbi e talvolta preoccupazioni, evidenziando per altro un certo livello di confusione sulla diversa qualità del vino, soprattutto per quanto riguarda le denominazione di origine".

"Nel dettaglio -prosegue Dona- sui 64 campioni analizzati, in 2 casi la presenza di pesticidi (e in particolare del fungicida ‘fenomidone’) è risultata in violazione dei limiti previsti dalla legge; in 60 è stata rinvenuta la presenza, ma sempre nei limiti, di ocratossina (una micotossina la cui presenza oltre certe soglie è considerata dannosa). Nessuna irregolarità è stata poi evidenziata dalle analisi di istamina, metalli e solfiti. Bisogna però sottolineare la presenza in 22 campioni di ‘procimidone’, un pesticida il cui impiego nei vigneti è stato bandito a partire dal giugno 2010. Si tratta di un aspetto molto importante, in quanto, seppur non costituisce un’irregolarità nei vini analizzati, quelli che sono stati ottenuti nella recente vendemmia non dovranno più contenere residui di questo pesticida".

"Alla luce dei dati emersi, riteniamo fondamentale proseguire ed incrementare la nostra attività di educazione. Sarebbe inoltre necessario -conclude Dona- condurre in futuro una nuova indagine, con criteri di campionamento mirati, sui vini di produzione nazionale e di importazione, in funzione delle nuove norme che prevedono il divieto di impiego di alcune sostanze nella coltivazione della vite".

 

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori