COSE DA NON CREDERE: l’innovazione protagonista dell’evento

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Pomeriggio dedicato alla consapevolezza dei consumatori, ieri a Roma a Villa Miani, con “Cose da non credere”, l’evento promosso dall’Unione Nazionale Consumatori con la partecipazione di illustri ospiti del mondo delle istituzioni, delle imprese e della comunicazione.

Roma, 22 maggio 2015 – “‘Credere’ significa ‘cor-dare’, secondo una suggestiva etimologia medievale, grazie quindi a tutti coloro che hanno partecipato al nostro evento, ‘dandoci il cuore’ e contribuendo così  al successo di ‘Cose da non credere’”. Con queste parole, Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, ha salutato ieri sera a villa Miani gli ospiti di “Cose da non credere”, l’evento dedicato alla consapevolezza dei consumatori, promosso dall’associazione.

“Siamo giunti alla terza edizione -afferma Dona (segui @massidona su Twitter)– di quello che è ormai diventato un appuntamento fisso per istituzioni, manager del web, capitani dell’industria alimentare, autorevoli rappresentanti delle aziende dell’energia e attori della filiera produttiva della salute e del benessere che si riuniscono, in una splendida location nel cuore di Roma, per discutere dei luoghi comuni, i pregiudizi, gli equivoci, gli inganni, insomma le ‘cose da non credere’ del mercato! Quest’anno, poi abbiamo cercato di mettere i consumatori ancora più al centro della discussione grazie ai risultati delle ricerche diffuse nelle ultime settimane sui nostri canali (e che renderemo pubblici nei prossimi giorni), che sono stati il punto di partenza dei tavoli di lavoro e aggiungendo una sorta di giuria popolare composta dagli studenti del corso di ‘Gestione ed etica delle imprese’ dell’Università degli studi Roma Tre, che hanno movimentato le discussioni con le loro domande e curiosità”.

“Il macro-tema che ha accompagnato il nostro pomeriggio di lavori è l’innovazione -prosegue Massimiliano Dona- abbiamo, infatti, chiesto ai nostri ospiti come il ‘nuovo’ influenza il rapporto imprese-consumatori; il tema è stato molto apprezzato dai partecipanti dei tavoli, come ci hanno raccontato all’inizio della sessione plenaria delle 19 i quattro moderatori (Raffaele Barberio per il web, Alessandro Ortis per l’energia, Federico Mereta per salute e benessere e novità di quest’anno, Andrea Ghiselli per il Food), ma è stato protagonista anche delle interviste successive con Andrea Camanzi, Presidente della neo-nata e quindi nuovissima, Autorità dei Trasporti; con il professor Alfonso Celotto, che nei panni del protagonista del suo libro “Il dottor Ciro Amendola, direttore della Gazzetta Ufficiale” (edito da Mondadori), ha risposto in maniera ironica alle mie domande sull’apparato burocratico del nostro Paese; nel face to face tra Luigi Scordamaglia (Presidente di Federalimentare) e Roberto Moncalvo (Presidente di Coldiretti) su ‘Food, Expò e cose da non credere’”.

“La nostra serata -aggiunge Massimiliano Dona- si è conclusa con un estratto dello spettacolo ‘Tutto quello che sto per dirvi è falso’, messo in scena dall’attrice sociale Tiziana Di Masi, che utilizza il teatro come strumento di contrasto all’illegalità; ci è sembrato il modo migliore per salutare i nostri  ospiti e dare l’appuntamento al prossimo anno. D’altra parte la contraffazione è sicuramente una ‘cosa da non credere’ che mette a repentaglio l’immagine del nostro Paese e dei nostri prodotti”.

A breve sul sito www.cosedanoncredere.it sarà disponibile il materiale fotografico, i video e gli approfondimenti della serata: continuate a seguirci!

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori