CRISI – Con il Ministro Riccardi nel sostegno alla famiglia

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 18 ottobre 2012 – “Non è un impoverimento solo quantitativo quello dei consumi delle famiglie, ma soprattutto  qualitativo in quanto stanno peggiorando, per molti aspetti, le abitudini di spesa degli italiani”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori  (UNC), a margine della presentazione di questa mattina dello studio "(S)bilancio di famiglia" realizzato dalla società Ref per Centromarca e Famiglia Cristiana.

“I dati emersi confermano una situazione preoccupante che, nonostante le rassicurazione degli ultimi giorni del Governo, non ci fanno ben sperare per il futuro”, afferma Dona che spiega: “ Alcuni comportamenti che la recessione ha reso necessari, come la particolare attenzione ai prodotti sottocosto, c’è il rischio che si sedimentino nelle abitudini degli italiani: ciò non significa che risparmiare fa male, ma dobbiamo tener presente che la scelta di comprare prodotti di basso costo, alimentari ad esempio, funziona solo se sono di qualità; spesso invece si tratta di merce che non vale neanche la metà di quello che costa”.

“Una delle poche conseguenze positive della crisi -afferma Dona- è che oggi i consumatori resistono più facilmente agli acquisti di impulso e anzi assistiamo al fenomeno inverso con il ripensamento dell’ultimo momento (pensiamo a quante confezioni fuori posto troviamo al supermercato avvicinandoci alla cassa, segno che qualcuno prima di pagare ha ritenuto che quel prodotto non era strettamente necessario), ma purtroppo -aggiunge Dona- siamo di fronte ad una nuova ‘schizofrenia’ del consumatore che, da una parte taglia l’essenziale (la carne scompare dai carrelli)e dall’altra si concede lussi fino a poco tempo fa impensabili (mi riferisco all’ultima moda dei gruppi d’acquisto online)”.

“In un momento -conclude Massimiliano Dona- nel quale far quadrare il bilancio è una sfida complicata per tutti, dobbiamo far nostro l’auspicio del ministro Andrea Riccardi che stamani ha esortato ad una valorizzazione della famiglia anche in risposta alla globalizzazione e, aggiungo, considerare la crisi come nuova opportunità  per mettere da parte cattive abitudine ed educarsi a maggiore consapevolezza”.

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori