CRISI: Istat, per i poveri prezzi in calo

1 commento  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Le famiglie più in difficoltà costrette a tagliare i consumi. l’UNC chiede un nuovo indice mensile dell’inflazione.

Roma, 21 luglio 2015 – “I dati dell’Istat dimostrano che le famiglie più povere hanno talmente ridotto i consumi allo stretto indispensabile, da avere una minore inflazione rispetto a quelle più ricche, che possono permettersi anche spese non obbligate” ha dichiarato Massimiliano Dona (segui @massidona su Twitter), Segretario Generale dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando il dato Istat secondo il quale la dinamica dei prezzi al consumo (pari in media a +0,1%) è compresa tra lo 0,3%, misurato per le famiglie con i più elevati livelli di spesa ed il -0,2% per le famiglie con spesa media mensile più bassa.

“Nonostante la media dell’inflazione sia particolarmente bassa, +0,1%, il differenziale tra il primo e l’ultimo gruppo è particolarmente elevato, 0,5 punti percentuali. Un segno delle differenze esistenti nei consumi tra chi arriva a fine mese e chi non ce la fa più. Un indicatore delle disparità sociali” ha proseguito l’avv. Dona.

“I dati di oggi confermano anche che ognuno ha la sua inflazione e che quella media solitamente resa nota non può rappresentare tutti, ricchi e poveri. Nessuno dei 3 indici attualmente calcolati mensilmente dall’Istat (Nic, Foi e Ipca), infatti, rappresenta appieno le differenze evidenziate dalla misurazione per classi. Non si può continuare a dare la media del pollo di Trilussa, visto che sempre più famiglie faticano a comperarlo” ha concluso Massimiliano Dona.

Nel novembre 2014 l’Unione Nazionale Consumatori ha inviato all’Istat delle proposte sul calcolo dell’inflazione, chiedendo, tra le altre cose, di “calcolare l’inflazione sulla base di un paniere ad hoc per determinate fasce sociali e di reddito”. L’UNC rinnova oggi la richiesta.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Andrea Cardinale

Incide il calo dei carburanti ed il fatto che molti negozianti, pur di vendere, abbassano di qualche cent i prezzi. Questo dato non esprime la realtà perché misura in euro anziché in quantità. Se per esempio mangio 100 grammi in più di qualcosa ma ho attenuto uno scontol’ISTAT diràche ho mangiato di
meno

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori