DDL CONCORRENZA: più obblighi per i call center fuori dall’Ue, ma non basta

1 commento  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Secondo il DDL concorrenza, le società che delocalizzano i call center in Paesi extra-europei saranno soggette a maggiori obblighi di comunicazione e dovranno comunicarlo al ministero del Lavoro, al Mise e al garante della Privacy. Per Unc si tratta di misure insufficienti.

Roma, 25 maggio 2016 – “Si tratta di misure insufficienti. Non basta comunicare. Va introdotto un meccanismo di responsabilità solidale tra l’azienda che commissiona la campagna di telemarketing ed il gestore del call-center che fa materialmente le telefonate, per evitare rimpalli di responsabilità e consentire ai trasgressori di nascondesi dietro call center localizzati all’estero” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.

L’UNC, che ha lanciato nei giorni scorsi la campagna #nondistubarmi per dire basta alle chiamate indesiderate e una petizione contro il teleselling selvaggio (sul sito www.consumatori.it ), ricorda che il Registro delle opposizioni non funziona, visto che si possono iscrivere solo gli utenti che hanno il loro numero sugli elenchi telefonici. Chi non è sull’elenco ed i cellulari sono esclusi. Su 115 milioni di linee telefoniche, tra fisse e mobili, solo 13 milioni, l’11,3%, sono negli elenchi telefonici, e solo poco più di 1 milione e mezzo, circa l’1,3%,  è iscritto al Registro.

Inoltre il sistema è concepito in modo da disincentivare le buone pratiche. Per accedere al Registro, gli operatori devono pagare e più numeri controllano, più pagano. Bisogna, quindi, che gli operatori paghino una quota fissa, definita sulla base del fatturato.

L’iscrizione, inoltre, deve consentire la cancellazione contestuale di ogni eventuale consenso pregresso, per consentire al cittadino di riprendere il pieno controllo dei propri dati.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

aurelia

Salve : Le valutazioni sono assolutamente corrette. Domanda : è mai possibile che il “LEGISLATORE” non si avveda delle distorsioni contenute nelle leggi che SCRIVE? Dato il ripetersi di tali abitudini dal lontano 02.06.1946, appare molto credibile questo vuoto mentale.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori