ENERGIA E GAS: no all’eliminazione del mercato tutelato

6 commenti  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

L’Unione Nazionale Consumatori dice “no” all’abolizione del Mercato Tutelato dell’energia e del gas, previsto dalla bozza di legge sulla concorrenza, ancora allo studio.

Roma, 26 gennaio 2015 – “E’ una decisione immorale, che se fosse confermata, scaricherebbe ancora una volta sulle tasche delle famiglie e sui soggetti più vulnerabili il peso della crisi energetica”. E’ quanto dichiara Pieraldo Isolani, Responsabile del settore energia per l’Unione Nazionale Consumatori, in riferimento alla bozza di Legge sulla Concorrenza che prevede la fine del Mercato Tutelato per i clienti domestici e le PMI sia per il gas che per l’elettricità.

“Se la legge sarà approvata -spiega Isolani- le famiglie italiane (dal 30 giugno 2015 per il gas e dal 30 giugno 2016 per l’elettricità) saranno obbligate a scegliere un nuovo contratto di fornitura sul Mercato libero e l’Autorità per l’energia non potrà più stabilire i prezzi di riferimento per elettricità e il gas per i clienti domestici e le PMI. Di conseguenza, si sancirebbe anche la fine del ruolo di Acquirente Unico, che fino ad oggi ha comprato a prezzi vantaggiosi l’elettricità nel mercato all’ingrosso per i clienti del Mercato Tutelato, assicurando un’ efficace tutela di prezzo ai piccoli clienti elettrici. Sarebbero, dunque, le società a stabilire i prezzi e  non è difficile immaginare un aumento in bolletta per i piccoli clienti: troppo grande è, infatti, la disparità di potere contrattuale fra gli operatori energetici ed i piccoli consumatori!”

“Purtroppo -aggiunge l’esperto- non saranno sufficienti le promesse di vigilanza e sanzione dell’Autorità per l’energia e del’Antitrust a contenere l’aumento dei prezzi. Infatti, già oggi, pur in presenza del Mercato tutelato, la scarsa informazione e trasparenza delle offerte sul Mercato libero, insieme alle pratiche commerciali scorrette da parte di molti operatori, stanno provocando notevoli disagi ai consumatori, che lamentano numerosi contratti non richiesti sul Mercato Libero. Ci auguriamo, quindi, che Governo e Parlamento respingano l’ipotesi di abolire il Mercato tutelato, evitando così nuovi indubbi aumenti dei prezzi che riguardano servizi così essenziali per la vita delle famiglie”.

 

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Edoardo tortora

Sicuramente dietro a tutte queste società c’è sempre lo zampino di politici che, pur di arraffare soldi, non hanno riguardo per niente.
Il mercato tutelato va tenuto, io realmente eliminerei tutti coloro del mercato libero, vanno solo faendo imbrogli con i loro galoppini.

Salvatore Rappa

ho ricevuto oggi la visita di un addetta di enel energia la quale mi propone di cambiare contratto poiche’, a suo dire, da luglio 2015 usciremo per legge dal cosiddetto”mercato protetto”. mi sono insospettito e dopo averla congedata sono entrato nel vs. sito il quale dice cose ben differenti: insomma quello che per l’addetta e’ gia legge, a quanto pae non lo e’ affatto. io sono guardingo per natura e ho scansato il trabocchetto di enel, ma quanti “abboccano”?

gabriele

ladroni ladroni ladroni ladroni ladroni ladroni ladroni ladroni

benny58

per favore fate di tutto perche questo non avvenga. altrimenti
per milioni di famiglie ceto medio e medio-basso e basso sarebbe un disastro.deve rimanere a tutti i costi il tutelato. grazie

Alberto

Nel medio termine sicuramente il mercato libero farà diminuire i prezzi.La libera concorrenza tra le società energetiche sarà salutare per ogni consumatore.

navajotrib

Il tutelato e’ un mercato sotto la garanzia operata dall’ A.U. e quindi e’ bene che rimanga attivo …gli altri usino pure regalie o premi fedelta’. Deve rimanere!

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori