ENERGIA – Il commento dell’UNC alla relazione dell’AEEG

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori e Pieraldo Isolani, esperto dell’associazione, commentano la Relazione annuale dell’ Autorità dell’Energia Elettrice ed il Gas.

Roma, 26 giugno 2013 – "I consumatori apprezzano che l’Autorità abbia ancora una volta denunciato pubblicamente i balzelli fiscali e parafiscali che gravano in modo innaturale sulle bollette energetiche dei clienti domestici, vanificando i benefici della liberalizzazione e mantenendole ai livelli più alti d’Europa". E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario Generale dell’Unione Nazionali Consumatori commentando la Relazione Annuale di Guido Bortoni, Presidente dell’Autorità dell’Energia Elettrice ed il Gas (AEEG) "che -prosegue Dona- ha fatto un’analisi puntuale e condivisibile dei mercati elettrici e del gas, fornendo importanti motivi di riflessione".

"E’ inaccettabile -afferma l’avvocato- che nelle bollette elettriche soltanto la metà dell’importo derivi dal prezzo dell’energia ed il 15% dalle tariffe di trasporto regolate dall’Autorità: il restante 35% è formato dalle tasse, dagli incentivi alle fonti rinnovabili, alle imprese energivore ed alle Ferrovie dello Stato, dai costi per la bonifica delle vecchie centrali nucleari (della quale non si vede mai la fine) e da altri incredibile balzelli. Per assurdo, su tutti questi così detti oneri di sistema viene calcolata l’IVA.

Anche nelle bollette del gas la situazione è analoga: il 35% del loro importo, infatti, è costituito dalle tasse e dalle accise nazionali e locali, sulle quali, anche in questo caso viene applicata l’aliquota IVA".

"I consumatori, invece -aggiunge Pieraldo Isolani, esperto del settore energia dell’associazione- hanno valutato con preoccupazione l’ipotesi, paventata nella Relazione dell’Autorità, di andare verso il superamento del Mercato Tutelato per i clienti domestici. Si tratta di una prospettiva che non può essere condivisa: i clienti domestici, anche quelli costituiti in gruppi di acquisto (che pure vanno perseguiti), non avranno mai la forza contrattuale di competere ad armi pari con i colossi dell’energia. I prezzi di riferimento fissati trimestralmente dall’Autorità, rappresentano una irrinunciabile garanzia per le famiglie. Inoltre, l’attività dell’Acquirente Unico, acquistando sul mercato l’energia elettrica per i clienti del Mercato Tutelato, in virtù dei considerevoli volumi contrattati, svolge una importante azione di calmieramento dei prezzi dell’energia elettrica, che domani verrebbe a mancare. Ci auguriamo, piuttosto, che all’Acquirente Unico sia affidato quanto prima anche il compito di acquistare il gas per i clienti del Mercato Tutelato".

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori