ENERGIA: perché aumenta la bolletta se il petrolio e il gas scendono?

5 commenti  |   stampa  |  pdf

Dal 1° ottobre per la famiglia-tipo la bolletta dell’elettricità registra un + 3,4%, mentre la bolletta gas un +2,4%. “Sono aumenti inspiegabili”, commenta l’Unc.

Roma, 29 settembre 2015 – “Una pessima notizia. Si interrompe un calo che durava ininterrottamente dall’inizio dell’anno. Per le famiglie che già faticano ad arrivare alla fine del mese, un brutto colpo” ha dichiarato Massimiliano Dona (segui @massidona su Twitter), Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando i dati dell’Authority dell’energia che ha fissato i nuovi prezzi per il quarto trimestre 2015. Dal 1° ottobre per la famiglia-tipo la bolletta dell’elettricità registra un + 3,4%, mentre la bolletta gas un +2,4%.

“Nonostante i tentativi di spiegazione dell’Authority, si tratta di aumenti incomprensibili, considerata la diminuzione sia del prezzo del petrolio che del gas a livello internazionale” ha proseguito Dona.

“In ogni caso è giunto il momento che il Governo abbassi le imposte, in particolare sul gas, dato che pesano per il 36,93% sul prezzo finale. Decisamente uno sproposito!” ha concluso l’avv. Dona.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Aurelia

Con il passaggio all’EURO, in ITALIA ci si è dimenticati di aggiornare gli stipendi, pensioni e simili. I prezzi di contro si sono allineati prontamente, notte tempo, tanto che a conti fatti la tazzina di caffè costava in lire 800/900, mentre con l’EURO costa € 1,00/1,20 (da lire 1.927,36 > + del doppio – a lire 2.323,53 > quasi tre volte). Non è troppo per una tazzina di caffè sempre minima ?

giorgio guarnaccia

Sia le bollette della luce el. che del gas recano una voce che, a mio parere, è un illecito arricchimento, cioè la voce: ”
“quote fisse”. Se vi sono aumenti per spese di rifacimento impianti o manutenzione, queste spese debbono attingere a quei fondi a non ricadere sugli utenti. Preciso che tali “quote fisse” vanno pagate anche se non si consuma niente!!!

guglielmo

E’ semplicemente vergognoso nonostante la diminuzione dei costi del petrolio e del gas subire questi aumenti. E l’energia prodotta dagli impianti fotovoltaici ed eolici a che serve? Io ho un impianto da 3 Kwh e l’energia elettrica che immetto in rete mi viene pagata forse a 10.00 centesimi e quella che prelevo dal contatore la pago a 24,00 centesimi vi sembra giusto? Dovrò pagare anch’io l’aumento? Se così fosse è vergognoso.

guglielmo

E’ semplicemente vergognoso questo aumento tra l’altro ingiustificato sia dal calo del petrolio e del gas in questo periodo. Ma io mi domando a che cosa serve incrementare la produzione di energia elettrica con pannelli fotovoltaici e pale eoliche se non c’è un abbassamento dei prezzi dell’energia elettrica? Chi ha un impianto fotovoltaico da 3 Kwh come il sottoscritto dovrà pagare anche lui l’aumento? Mi sembra assurdo. Io produco energia che mi viene pagata forse a meno di 10 cemtesimi al Kwh e quella che consumo di sera la pago a circa 24,00 centesimi al Kwh

Gioacchino

Penso che sia un’estorsione!! non ce la minaccia ma ce la violenza sulla necessità delle famiglie di dover usare il Gas e elettricità!!, il petrolio è diminuito del 60%, andava a 110 $ al barile!!, per non parlare dei carburanti per auto ma, dico!, ci rendiamo conto della GRAVITA’ del Fatto!! e nessuno fa niente!, le pensioni, gli stipendi non aumentano ma, i viveri di prima necessità aumentano e poi dicono che ce ripresa ai consumi!!, da dove l’hanno succhiata questa barzelletta??!!, avrei tanto da dire ma, basta così..Grazie di avermi dato la possibilità di un breve commento…

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori