EXPO’: dei consumatori neppure l’ombra?

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato congiunto delle organizzazioni dei consumatori che protestano con il Ministero della Salute per aver dimenticato la voce dei consumatori al convegno finale di ExpòMilano 2015: Altroconsumo non rappresenta il pensiero delle Associazioni italiane.

Roma, 26 ottobre 2015 – “Siamo alla frutta! L’Expò è cominciata male (dimenticando di coinvolgere i rappresentanti dei consumatori nella Carta di Milano) e finisce peggio”. E’ questa la protesta delle Associazioni dei consumatori Assoutenti, Cittadinanzattiva, Codici, Confconsumatori, Federconsumatori, Movimento Difesa Cittadino, Udicon e Unione Nazionale Consumatori, secondo cui “nella manifestazione che sta per chiudere i battenti, dei rappresentanti dei consumatori non c’è neanche l’ombra o quasi!”

Alla Conferenza internazionale in programma da domani (27-28 ottobre 2015), il Ministero della Salute dimentica di invitare il CNCU, Consiglio Nazionale Consumatori Utenti, organo previsto dal Codice del Consumo presso il Ministero dello sviluppo economico: “con profonda amarezza” le Associazioni dei consumatori hanno dovuto prendere atto che nel programma il piccolo spazio destinato alla voce dei cittadini è stato riservato a un solo rappresentante dell’associazione Altroconsumo: “tale designazione non è stata in alcun modo condivisa con il CNCU e la circostanza lascia esterrefatti”. Anche perché ­spiegano le Associazioni dei consumatori: “non possiamo condividere che il rappresentante chiamato ad esprimere il pensiero dei consumatori italiani sia una organizzazione che sui temi alimentari si trova generalmente su posizioni largamente minoritarie in seno al CNCU”.

“A voler pensar male -concludono le Associazioni dei consumatori- si potrebbe ritenere che l’investimento economico fatto da Altroconsumo nell’acquisto di spazi all’Expò alla Cascina Triulza (stranamente l’unica no­-profit a poterseli permettere) sia stato ripagato da questa visibilità: ma che figura ci facciamo a livello internazionale se le posizioni italiane sono sostenute da una associazione in totale contrasto con il pensiero di chi difende i consumatori italiani?”

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori