GRANDE FRATELLO – Opportuno lo stop al televoto

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 10 gennaio 2011 – “Opportuna una pausa di riflessione”, è quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), commentando la decisione di Mediaset di interrompere il televoto in vista della puntata di questa sera del Grande Fratello 11: la redazione del programma ha fatto sapere che la decisione sarebbe ascrivibile ad un “deprecabile episodio” e che “la vicenda sarà spiegata in ogni dettaglio nella puntata che andrà in onda lunedi”, cioè stasera.

“E’ inaccettabile -prosegue Dona- che gli autori del programma dispongano a piacimento dei telespettatori che seguono il programma e che partecipano tramite il televoto: tutto si trasforma in uno spot per aumentare gli ascolti”.

“Cosa ne sarà -incalza Dona- dei soldi spesi durante tutta la settimana per televotare? Quando saranno rimborsati? Ed il costo degli abbonamenti a Mediaset Premium? Ed il tempo sprecato a guardare il programma e ad inviare gli sms per votare come sarà risarcito?”

Già numerosi cittadini si sono rivolti all’Unione Nazionale Consumatori reclamando il risarcimento per queste farsesche vicende e stiamo valutando di attivare una azione di classe (chi fosse interessato troverà informazioni sul sito www.class-action.it).

Secondo Dona, “è intollerabile che intorno alle aspirazioni dei telespettatori di partecipare al gioco tramite il televoto, non si fornisca alcun dato reale tale da rendere più trasparente un’operazione che ha costi non irrilevanti per coloro che vi partecipano”.

“Da parte nostra -conclude Dona- abbiamo chiesto alla Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, competente su questi temi, di elaborare una regolamentazione che tenga conto delle attuali inefficienze ed opacità: tra le nostre richieste c’è quella di comprendere la partecipazione a questo genere di programmi di un rappresentante degli utenti perché vigili sulle operazioni in aggiunta al notaio”.

Secondo l’avvocato Massimiliano Dona è ben chiara la diversità di funzioni che i due soggetti potrebbero svolgere: “l’uno, in quanto pubblico ufficiale, attesterebbe la conformità delle operazioni al regolamento, ma soltanto il rappresentante dei consumatori potrebbe confermare l’effettività delle votazioni ed il corretto svolgimento del gioco nel rispetto di chi lo segue da casa”.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori