INDUSTRIA: la discesa sul mercato estero è grave e preoccupante

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 20 novembre 2014. “Il fatto che gli ordinativi ed il fatturato dell’industria scendano anche sul mercato estero è molto grave. Le esportazioni, infatti, sono l’unica voce, in questi anni di crisi, che ha consentito alle aziende italiane di sopravvivere, considerato il crollo del mercato interno” è il commento di Massimiliano Dona (segui @massidona su Twitter), Segretario generale  dell’Unione Nazionale Consumatori ai dati Istat resi noti oggi.

Secondo l’Istat, infatti, gli ordinativi dell’industria italiana hanno subito a settembre una flessione congiunturale dell’1,5%, con diminuzioni sia sul mercato estero (-2,0%), sia su quello interno (-1,2%). Rispetto al settembre 2013, l’indice grezzo degli ordinativi segna un calo dello 0,4%. Anche  il fatturato dell’industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,4% rispetto ad agosto, con un calo dell’1,4% su quello estero.

“Le industrie italiane dal 2007 ad oggi hanno compensato la discesa dei consumi delle famiglie italiane, esportando i loro prodotti. Se viene meno anche questa ancora di salvezza, allora la situazione diventa preoccupante e rischiamo di fallire l’obiettivo di avere una crescita del Pil dello 0,5% nel 2015” ha concluso l’avv. Dona (segui @massidona su Twitter).

 

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori