ISTAT: in calo i piccoli negozi, salgono i discount

1 commento  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 22 aprile 2015 –  “Il calo delle vendite al dettaglio reso noto oggi dall’Istat dimostra che siamo ben lontani da una ripresa dei consumi” ha dichiarato Massimiliano Dona (segui @massidona su Twitter), segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori.

A febbraio le vendite al dettaglio, infatti, hanno fatto registrare un calo dello 0,2% rispetto a gennaio, segnando una diminuzione sia delle vendite di prodotti alimentari (-0,2%) che di quelle non alimentari (-0,1%).

“Anche l’impercettibile segno positivo rispetto a febbraio 2014, +0,1%, è purtroppo privo di effetti significativi, considerato che i dati incorporano sia la dinamica delle quantità che dei prezzi. Come dimostra lo studio dell’UNC, per recuperare il crollo degli anni precedenti ci vorrebbero secoli, con questo ritmo. Rispetto agli alimentari, inoltre, anche su base tendenziale scendono ancora sia le vendite dei piccoli esercizi (-1%) che degli ipermercati (-1,5%). Unici dati positivi quelli di supermercati e discount” ha proseguito Dona.

Secondo uno studio dell’Unione Nazionale Consumatori, dal 2008 al 2014 le vendite delle imprese operanti su piccole superfici sono diminuite dell’11,9%, segnando un calo del 13,2% per i prodotti alimentari e dell’11,5% per quelli non alimentari. Dal 2014 al 2011, in appena 3 anni, le vendite dei piccoli negozi segnano una contrazione del 7,8% (-8,1% per gli alimentari e – 7,7% per i  non alimentari).

Per quanto riguarda la grande distribuzione, analizzando i dati degli esercizi non specializzati a prevalenza alimentare, i risultati sono impressionanti. I discount dal 2006 al 2014 hanno segnato un aumento delle vendite del 19,1%. Dal 2008 al 2014 l’incremento è del 9,1%. Aumento che va scapito degli ipermercati (superficie di vendita superiore a 2.500 metri quadrati) che, nello stesso periodo di riferimento, segnano una contrazione del 7,2%. Reggono, invece i supermercati (superficie di vendita tra 400 e 2.500 metri quadrati) che hanno una variazione negativa dello 0,2%.

“Il dato positivo dei discount dimostra le difficoltà in cui versano le famiglie, costrette ad abbandonare le marche famose della produzione alimentare italiana, per passare a prodotti meno noti ma più economici” ha dichiarato Massimiliano Dona, segretario dell’Unione Nazionale Consumatori. “Mentre il crollo delle vendite dei piccoli esercizi ha determinato la chiusura di migliaia di negozi di vicinato, creando seri problemi ad alcune categorie sociali, come gli anziani, abituati a fare acquisti sottocasa. Un fatto che ci preoccupa particolarmente” ha concluso l’avv. Dona.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Daniele

ho provato ad acquistare gli articoli in offerta per 2 giorni consecutivi (su 2 computer diversi e anche tramite iphone), in entrambi i casi, alle ore 9:00 avevo aggiunto l’articolo al carrello, ho selezionato la spedizione standard, ed il pagamento tramite Paypal, e sono passato nella schermata successiva dove c’era il riepilogo delle opzioni scelte. Ho cliccato sul tasto prosegui e, invece di aprirsi la schermata per l’immissione dei dati di pagamento, è apparsa sotto la scritta “attenzione pagamento obbligatorio” e l’ordine si è annullato (motivazione: pagamento annullato). Ho eseguito di nuovo tutti i passaggi, questa volte selezionando la carta di credito come pagamento ma niente, stesso errore, pagamento annullata senza neanche aver inserito i dati della carta. Alle 9:05 gli articoli era già tutti esauriti. Domani filmerò tutti i passaggi come prova.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori