ISTAT: marzo ancora in deflazione

1 commento  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Crollano beni ad alta frequenza di acquisto: risparmio di 172 euro per una coppia con due figli e di 86 euro per un pensionato.

Roma, 31 marzo 2016 – Secondo i dati provvisori resi noti oggi dall’Istat, a marzo l’Italia continua ad essere in deflazione, registrando  una diminuzione dei prezzi dello 0,2% su base annua.

“Il dato più significativo, però, è il crollo dei prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto che diminuiscono dell’1,1% in termini tendenziali, dal -0,8% del mese precedente. Al di là delle ragioni di questa caduta, i consumi ancora fermi, il rallentamento dei prezzi consente di ridare capacità di acquisto alle famiglie. E’, quindi, una buona notizia. Cause negative, insomma, ma gli effetti sul portafoglio delle famiglie sono decisamente positivi” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.

Secondo i calcoli dell’Unione Nazionale Consumatori, la discesa  dell’1,1% dei prezzi dei beni acquistati più frequentemente, consente di risparmiare, in termini di minor del costo della vita, per una tradizionale famiglia, una coppia con 2 figli, 172 euro su base annua.

Una coppia con 1 figlio spenderà, invece, 159 euro in meno nei dodici mesi, un pensionato con più di 65 anni sborserà 86 euro in meno, -93 euro un single con meno di 35 anni.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

sergio solazzi

Non riesco a comprendere perchè la BCE di Draghi continui a considerare la deflazione come una sciagura. Forse è un fatto negativo per i finanzieri, i banchieri ed i grandi imprenditori ma non certamente per chi fatica ad arrivare a fine mese. Se ci fosse un’inflazione del 2% l’anno prossimo avrei un potere di acquisto inferiore del 2%. Teniamo conto che l’economia non è una scienza esatta ma è basata su esperienze elaborate in modo più o meno corretto. Ora dalla mia purtroppo molto lunga esperienza ricordo un solo periodo in cui in Italia si è andati in deflazione. Era il lontano 1958 anno del boom economico ed in cui la lira ebbe l’oscar delle monete. Perchè ora la deflazione è vista come cosa economicamente dannosa? Socio Sergio Solazzi

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori