IVA – Rischi depressivi in caso di aumento

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, ospite questa mattina al programma di Rai Tre "Agorà", parla delle conseguenze che, l’eventuale, aumento dell’Iva avrebbe sui consumi.

Roma, 3 settembre 2013 – “L’aumento dell’Iva va scongiurato ad ogni costo per evitare di deprimere ulteriormente i consumi, ma anche di gettare nella sfiducia i consumatori”. E’ quanto ha sostenuto Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (http://www.consumatori.it), intervenendo questa mattina nel programma di Rai Tre "Agorà".

Secondo Dona (segui @massidona su Twitter): “i cittadini sono ormai stanchi di vedere crescere imposte, come l’Iva, ispirate a criteri proporzionali (e non progressivi) con il risultato di aggredire i bilanci delle fasce più povere della popolazione”.

“Questo nuovo incremento (sarebbe il nono in quaranta anni) -aggiunge il Segretario generale- innescherebbe una spirale nella quale vedremmo volatilizzarsi le piccole speranze di ripresa certificate dagli organismi internazionali: il Governo Letta non può permettersi di dare un segnale così negativo ai consumatori, anche perché ad ogni aumento dell’imposta seguono rincari generalizzati, considerato che l’aumento dell’Iva incide, tra l’altro, sul prezzo dei carburanti (per non dire dei soliti speculatori sempre in agguato!)”.

“E poi -prosegue l’avvocato Massimiliano Dona- di fronte a 810 miliardi di spesa pubblica, davvero è difficile comprendere come non si riesca a trovare un miliardo per evitare l’aumento e dare respiro ai cittadini che già pagheranno un rincaro Irpef per le coperture Imu con lo stop alle detrazioni per i premi delle polizze vita”.

“I cittadini -conclude Dona- sono disorientati anche  per i tagli ‘ministeriali’ che vanno ad incidere sulla sicurezza (assunzioni dei Vigili del Fuoco, Polizia, ispettori del Fisco), sul fondo per l’occupazione, sulla manutenzione della rete ferroviaria, sull’efficienza energetica e le rinnovabili: senza dimenticare l’incredibile regalo ai signori del gioco d’azzardo con lo sconto sulla multa che dovrebbero pagare i gestori delle slot machines”.

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori