MANOVRA – Gravi le conseguenze dell’aumento dell’IVA

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 12 settembre 2011 – "L’aumento dell’aliquota dell’Iva previsto nella Manovra finanziaria aggraverà ulteriormente le difficoltà economiche  delle famiglie". È questo l’allarme lanciato da Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), spiegando che l’effetto di simili iniziative è ben noto nella teoria e nella prassi economica: "un incremento dei prezzi, rapportato a quello della stessa imposta indiretta, e, a parità di reddito, una riduzione del potere d’acquisto delle famiglie".

"Poi -aggiunge Dona- le speculazioni faranno il resto: ci sarà qualcuno che approfitterà della situazione per far lievitare i prezzi ben oltre l’incremento dell’Iva".

Sulla riduzione del potere d’acquisto concorda il prof. Giuseppe di Taranto, ordinario alla Facoltà di Economia dell’Università “Luiss Guido Carli” di Roma: "anche volendo tener conto solo dei dati ufficiali (ma è una stima decisamente al ribasso) negli ultimi tre anni il potere di acquisto sarebbe diminuito almeno del 7%”.

"Ormai -aggiunge il consulente dell’Unione Nazionale Consumatori- un italiano su cinque non riesce più a risparmiare, dato confermato dalla riduzione della stessa propensione al risparmio da circa il 24%, alla fine degli anni ‘90, al 12% nel 2010".

Conclude l’economista: "Si può stimare che l’aumento percentuale di un punto dell’Iva comporterà una spesa media maggiore di quasi 100 euro all’anno per una famiglia composta da tre persone e di oltre 110 euro per un nucleo composto da quattro unità (la voce che più incide sarà quella dei trasporti)".

Cerca un altro comunicato

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori