MESSINA SENZ’ACQUA: ancora emergenza, aumenta la richiesta di indennizzo per i cittadini

4 commenti  |   stampa  |  pdf

Dopo la nuova rottura di una condotta, l’Unc Messina chiede l’acqua razionata e la riattivazione della distribuzione con autobotti.

Roma, 3 novembre 2015 – “Si è rotta nuovamente per una frana la condotta di Fiumefreddo a Calatabiano che porta l’acqua alla città di Messina.

“In attesa della soluzione del problema della condotta, va razionata immediatamente l’acqua esistente nei serbatoi cittadini e attivato al più presto il bypass con l’acquedotto di Alcantara. Il Comune e la Prefettura devono subito riattivare la distribuzione con autobotti, indicando in modo chiaro i punti di distribuzione ed informando in modo adeguato la cittadinanza” ha dichiarato il Presidente dell’UNC di Messina, Avv. Mario Intilisano.

“I cittadini non possono fare molto in questa situazione. Possono, comunque, fare un uso consapevole della risorsa idrica, chiudendo i rubinetti quando non necessario, non sprecando l’acqua per usi diversi da quelli strettamente necessari” ha concluso Intilisano.

Mentre i cittadini di Messina si affrettano a sottoscrivere la class action lanciata dell’Unione Nazionale Consumatori di Messina, aumenta, per ogni giorno di disservizio, la possibile richiesta di risarcimento. I legali dell’associazione, infatti, hanno stimato un indennizzo forfettario di 25 euro per ogni giorno di interruzione della fornitura, cifra che raddoppia a 50 euro in caso di presenza di malati, anziani, neonati.

L’UNC ricorda che per aderire all’azione è necessario soddisfare i seguenti requisiti:
1) Essere titolare di utenza individuale Amam (ovvero condominiale);
2) Avere la propria utenza ubicata in zona ove la fornitura idrica è cessata;
3) Sottoscrivere lo specifico modulo di adesione presso la sede dell’Associazione in Messina Via San Filippo Bianchi 48 (nei seguenti orari Lunedì, Martedì, Mercoledì, Giovedì e Venerdì dalle ore 09.00 alle 11.30 ed il Lunedì e Mercoledì pomeriggio dalle ore 16.00 alle 18.30);
4) Rivestire la qualifica di consumatori (ossia non avere l’utenza destinata ad attività commerciali o professionali);
L’adesione sarebbe riservata ai soli soci UNC, ma, stante l’eccezionalità del momento, per iscriversi all’associazione basterà versare l’importo simbolico di soli € 5,00, a titolo di rimborso spese.

Si aggiunge che i non consumatori (professionisti, aziende, esercenti commerciali) che hanno subito un danno non potranno aderire alla class action ma potranno agire individualmente, anche con l’assistenza del Comitato di Messina dell’Unione Nazionale Consumatori,  per il risarcimento del danno subito.

E’ possibile avere ulteriori informazioni sulla class action attraverso i social media twitter (@consumatori_me), facebook (Consumatori Messina) e sul sito internet dell’UNC di Messina (www.consumatori.messina.it), oppure tramite l’email appositamente attivata: amamclassaction@consumatori.messina.it

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Giuseppe

Molto bene. Mi risulta però che il costo delle bottiglie d’acqua sia andato oltre le stelle ( aumento di 4-5 volte) rispetto al prezzo normale. Cosa sta facendo UNC?

Unione Nazionale Consumatori
Unione Nazionale Consumatori Autore articolo

Gent.mo Sig. Giuseppe, mentre per le bottiglie non abbiamo ricevuto nessuna segnalazione documentata, per il costo dell’acqua da autobotti ci risultano indagini della Guardia di Finanza.

Filippo Saglimbeni

Io ho 85 anni e mia moglie Rosa Gazzetta ne ha 83, viviamo in Viale Ss.Annunziata n.55.
Io sono cardiopatico, con insufficienza respiratoria sottoposto a ossigenoterapia 14 ore al giorno. Non esco né io né mia moglie possiamo recarci alle autobotti.
Ho una figlia e un nipote che ci portano acqua per cucinare, ma i servizi essenziali di igiene sono ridotti. Io poi che uso diuretici, posso far immaginare quante difficoltà stiamo affrontando.
Come posso aderire alla richiesta di risarcimento? Per me è impossibile venire presso la vostra sede in città . Può essere fatta on line? Oppure tramite una delle mie figlie?
Aspetto delucidazioni. Grazie.
In fede,
Saglimbeni Filippo

Unione Nazionale Consumatori
Unione Nazionale Consumatori Autore articolo

Gent.mo Sig. Saglimbeni, sappiamo che il Comitato di Messina dell’Unione Nazionale Consumatori ha provveduto a risponderLe via email. Se ha ancora bisogno di noi, ce lo faccia sapere.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori