MUSICA: Siae interviene su rivendita biglietti concerto Coldplay

1 commento  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa Unione Nazionale Consumatori

Bene che Siae presenti un ricorso d’urgenza su rivendita biglietti. Unc ha già presentato esposto ad Antitrust

Roma, 13 ottobre 2016 – “Bene, era ora che anche la Siae si muovesse. Condividiamo la loro iniziativa” afferma Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando la notizia secondo la quale la Siae ha presentato oggi un ricorso d’urgenza al tribunale civile, sul caso della rivendita dei biglietti dei concerti, il cosiddetto secondary ticketing, per tutelare sia i diritti dei propri associati che dei consumatori.

“Ricordiamo che la nostra associazione, fin da maggio, ha presentato un esposto all’Antitrust per pratica commerciale scorretta e tra poco sapremo se sarà accolta la nostra tesi. Ticketone, infatti, non garantisce la parità di condizione tra gli utenti e non fornisce al consumatore corrette informazioni circa la reale disponibilità di biglietti” prosegue Dona

“E’ inaccettabile che per i consumatori sia impossibile acquistare i biglietti per eventi musicali o sportivi  a pochi minuti dal momento di apertura della vendita. Il problema è che sul sito internet www.ticketone.it mancano strumenti tecnici idonei ad evitare l’acquisto massivo di tagliandi con modalità fraudolente. L’assenza di procedure di sicurezza e di controlli informatici determinano una disparità di trattamento a danno del consumatore che vuole acquistare online sulla piattaforma. La mancanza di un software identificativo dell’utente  permette, a coloro che usano robot informatici, di acquistare grandi quantità di biglietti, in brevissimo tempo, che poi vengono rivenduti nel mercato del secondary ticketing a prezzi molto più alti” conclude Dona.

L’associazione ricorda che i Coldplay sono solo gli ultimi di una lunga serie, da Bruce Springsteen, con oltre 40mila tagliandi venduti nel giro di 1 minuto ai Red Hot Chili Peppers.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

davide

IMG_4334.JPG
IMG_4332.JPG
A distanza dell’inizio della prevendita dei biglietti dei Depeche Mode di Giugno 2017 i biglietti su TicketOne nn erano più disponibili se non in secondo o in terzo anello. La mia ragazza presa dal panico trova uno sito di secondary Ticketing che vende in modo massiccio biglietti prato platea. Importo totale per singolo biglietto ,174 euro. Arriva regolarmente la fattura d’ordine che allego via email con la cifra totale comprensiva di iva e commissione. A distanza di una settimana arrivano i biglietti fisici, ovvero quelli che questi siti di secondary acquistano da Ticketone. Sul biglietto la cifra per il posto da noi richiesto è notevolmente inferiore, come da allegato, ovvero 80 euro,comprese tasse e commissione. Un ricarico che va oltre al 100%.Questo in Italia è chiamato bagarinaggio ed è punito dalla legge!!!!!!! Sono decisamente arrabbiato per questa cosa , soprattutto perché a livello istituzionale ci sono tutti i presupposti per impedire questo sopruso ai danni dei consumatori.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori