MUTUI: bene da 7 a 18 rate, ma non basta

2 commenti  |   stampa  |  pdf

La bozza di parere predisposta dal Pd in Commissione finanze sulla direttiva europea sui mutui prevede che l’inadempimento per morosità sia di 18 rate e non di sette. Basterà?

Roma, 3 marzo 2016 – “Non basta! 18 rate invece di 7 rate prima che le banche si portino via la casa non sono sufficienti, specie in un momento di disoccupazione e di crisi come questo. Quello che va lasciato è il filtro del giudice, per evitare che il consumatore sia in balia delle banche” ha dichiarato il Prof. Stefano Cherti, consulente dell’Unione Nazionale Consumatori parlando di mutui.
“Apprezziamo, invece, il chiarimento che non si tratta di un generico inadempimento ma di un mancato pagamento delle rate. Un passo avanti, piccolo, però, ed insufficiente” ha concluso Cherti.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

paolo romanello

Sono proprio in condizione di problemi con mutuo e fido legato al conto corrente.La mia era una rata da 1126 euro,alta,ora diventata insostenibile. La banca ha allungato il mutuo di due anni e la rata è ora di 1.000, insostenibile lo stesso. Sono in arretrato di circa 6 rate più il fido, per un totale di 10.000 euro. La cifra non è enorme ma la banca fa pressione. Mi sono rivolto ad un avvocato e nel frattempo la mia pratica è passata ad una “signora”(sempre della banca). Ho chiesto di abbassare la rata a 800, cifra che potrei pagare,tengo a precisare che ho sempre versato ciò che potevo,anche solo 400 euro ma li ho versati.Ora ,non capisco più cosa pago con i versamenti se mutuo o fido(che è di 3.500 euro).Racconto tutto questo per far capire che alle banche dei Cittadini interessa poco, interessa molto di più avere interessi che salgono (quelli passivi) a dismisura,Spero di risolvere il mio problema anche se la vedo dura. La casa, la prima casa va tutelata, in particolare se il Cittadino dimostra la buona volontà di onorare il debito! Un caro saluto, Paolo .

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buongiorno Paolo, a ringraziamo di averci contattato e comprendiamo bene la sua situazione, ma purtroppo possiamo fare ben poco perché non vi è modo di obbligare la banca ad accettare il piano di rientro…
Non possiamo che augurarle in bocca al lupo!
Un caro saluto

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori