NATALE – Il rincaro dove non te l’aspetti

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 13 dicembre 2012 – “Nel carrello della spesa di Natale non ci sono solo carne, pesce e bottiglie di spumante, ma anche quei piccoli prodotti apparentemente meno costosi a cui spesso neanche facciamo caso e che in realtà sono i più soggetti ai rincari”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (Unc), in riferimento ai soliti rialzi al supermercato in prossimità del cenone di Natale e Capodanno.

“Avvicinandoci alle feste il rischio che aumentino i prezzi degli alimenti tipici è forte -afferma Agostino Macrì esperto di sicurezza alimentare dell’associazione- ma non dovremmo trascurare il costo di quei prodotti che costano uno o due euro e durante le festività raggiungono il picco delle vendite. Pensiamo al tradizionale vasetto di Nutella che normalmente costa circa 7-8 euro al chilo; il prezzo aumenta con le confezioni monodose (11 euro al chilo), ma se si acquista un grazioso vasetto da appendere all’albero con 30 grammi di prodotto il prezzo schizza alle stelle: ben 66 euro al chilogrammo! Che dire poi dei panettoncini da 80 grammi che costano oltre 30 euro al chilo a fronte dei circa 5 euro di qualsiasi altro panettone industriale di taglia normale?”

Secondo Macrì, “di esempi del genere ce ne sono tutto l’anno (leggi a riguardo l’articolo "Il rincaro dove non te l’aspetti")  basti pensare alle insalate in busta che arrivano a costare 12 euro al chilo. E’ ovvio che lavare e tagliare l’insalata è più faticoso, così come appendere all’albero una confezione di crema alle nocciole da un chilo non è sicuramente comodo, ma la buona abitudine di controllare il prezzo al chilo (o al litro) di quello che stiamo acquistando, andrebbe sempre seguita: adottando questa precauzione si possono ottenere dei risparmi significativi nel carrello di Natale e di tutto l’anno”.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

NATALE – Il rincaro dove non te l’aspetti

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 13 dicembre 2012 – “Nel carrello della spesa di Natale non ci sono solo carne, pesce e bottiglie di spumante, ma anche quei piccoli prodotti apparentemente meno costosi a cui spesso neanche facciamo caso e che in realtà sono i più soggetti ai rincari”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (Unc), in riferimento ai soliti rialzi al supermercato in prossimità del cenone di Natale e Capodanno.

“Avvicinandoci alle feste il rischio che aumentino i prezzi degli alimenti tipici è forte -afferma Agostino Macrì esperto di sicurezza alimentare dell’associazione- ma non dovremmo trascurare il costo di quei prodotti che costano uno o due euro e durante le festività raggiungono il picco delle vendite. Pensiamo al tradizionale vasetto di Nutella che normalmente costa circa 7-8 euro al chilo; il prezzo aumenta con le confezioni monodose (11 euro al chilo), ma se si acquista un grazioso vasetto da appendere all’albero con 30 grammi di prodotto il prezzo schizza alle stelle: ben 66 euro al chilogrammo! Che dire poi dei panettoncini da 80 grammi che costano oltre 30 euro al chilo a fronte dei circa 5 euro di qualsiasi altro panettone industriale di taglia normale?”

Secondo Macrì, “di esempi del genere ce ne sono tutto l’anno (leggi a riguardo l’articolo "Il rincaro dove non te l’aspetti")  basti pensare alle insalate in busta che arrivano a costare 12 euro al chilo. E’ ovvio che lavare e tagliare l’insalata è più faticoso, così come appendere all’albero una confezione di crema alle nocciole da un chilo non è sicuramente comodo, ma la buona abitudine di controllare il prezzo al chilo (o al litro) di quello che stiamo acquistando, andrebbe sempre seguita: adottando questa precauzione si possono ottenere dei risparmi significativi nel carrello di Natale e di tutto l’anno”.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori