PASQUA: attenzione alle etichette alimentari

commenta  |   stampa  |  pdf

Come scegliere gli alimenti simbolo della Pasqua? L’uovo di cioccolato,  la colomba ma anche le specialità regionali. Ecco i nostri suggerimenti in vista delle festività.

Roma, 24 marzo 2016 – “Uova, colomba e pizza farcita saranno i protagonisti della tavola in questo lungo weekend di Pasqua, ma attenzione alla qualità degli ingredienti e ai prezzi”. Questo il suggerimento di Agostino Macrì, esperto di sicurezza alimentare dell’Unione Nazionale Consumatori.

“Per le uova di cioccolato e le colombe ogni anno si scatenano guerre commerciali che alle volte possono addirittura favorire il consumatore grazie al variare dei prezzi ma l’importante è che a pagarne le spese non sia la qualità”, spiega Macrì, che aggiunge: “è importante anche controllare le etichette, utili in molti casi a fornire indicazioni sulla correttezza dei prezzi. La quantità di cacao è determinante per differenziare un cioccolato di pregio da uno di minore valore: un cioccolato fondente, ad esempio, dovrebbe costare di più di uno al latte per la percentuale maggiore di cacao. Solo il ‘cioccolato puro’ non contiene oli tropicali o altri grassi vegetali: in caso contrario la relativa dicitura deve essere riportata in etichetta, ben visibile e dunque immediatamente consultabile dal consumatore. Un discorso analogo – continua l’esperto di UNC – si può fare con le colombe i cui costi possono variare in funzione non tanto della qualità e della sicurezza, quanto delle strategie di vendita”.

“Per quanto riguarda gli altri alimenti pasquali come il casatiello, la pizza con le uova sode, i ciambelloni con perline di cioccolato, la pastiera napoletana, l’interesse industriale è minore e, dunque, la produzione avviene maggiormente attraverso pasticcerie artigianali. Il prezzo, a volte, può risultare più alto rispetto a prodotti industriale a fronte, però, una maggiore qualità organolettica”, aggiunge Macrì. “Come per tutti gli alimenti, anche in questi casi possono esserci delle insidie -conclude l’esperto-  è importante, quindi, ricordare che anche i forni hanno il dovere di seguire la normativa europea sulla sicurezza alimentare: se non ci sono le etichette sulle confezioni dei singoli prodotti è obbligatorio mettere a disposizione l’elenco degli ingredienti evidenziando contestualmente la data di scadenza”.

 

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori