SANREMO – I proventi del televoto abusivo vadano in beneficenza!

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 15 febbraio 2011 – “ ‘Telespettatore avvisato mezzo salvato’, sembra giustificarsi così la Rai sul televoto, ma non può cavarsela limitandosi a dichiarare dalla prima serata del Festival di Sanremo che non esistono al momento strumenti per bloccare eventuali abusi”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando la sanzione di 50 mila euro comminata dall’Autorità Antitrust all’azienda di viale Mazzini con l’obbligo per il conduttore, già da stasera, di dare un’informazione più chiara.

“Non è solo avvisando i telespettatori del rischio di manipolazione derivante dall’invio massivo di televoti che si garantisce la trasparenza del servizio”, afferma il Segretario generale che prosegue: “La multa dell’Autorità è condivisibile in tutto tranne che nell’importo che farà appena il solletico alla Rai che grazie al televoto incassa buona parte degli introiti connessi al Festival”.

L’avvocato Dona incalza: “Abbiamo sentito ripetere dal direttore di Raiuno Mauro Mazza che ‘purtroppo la tecnologia dei farabutti è più avanti della forma di controllo che finora sono state rese possibili’: ma visto che questi farabutti, grazie all’acquisto di pacchetti di voti, arricchiscono anche viale Mazzini, noi chiediamo alla Rai, se ci sono dei reali limiti tecnici che non permettono di escludere l’utilizzo dei call center di devolvere in beneficenza i quattrini che riceverà grazie a questi sistemi”.

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori