SANREMO – Serve più chiarezza sui costi del televoto

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 17 febbraio 2011 – “Abbiamo richiesto alla Rai di ingrandire i messaggi che passano in sovraimpressione durante il Festival di Sanremo per informare i consumatori su modalità e costi di accesso al televoto”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC), che ieri al teatro Ariston ha presenziato alle operazioni di televoto su designazione dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni.

“La trasparenza delle informazioni rese all’utenza -prosegue l’avvocato Dona- è uno dei capisaldi del Regolamento recentemente approvato dall’AGCOM proprio in materia di televoto: per questo abbiamo ritenuto doveroso sollecitare un adeguamento dei ‘super’ che devono essere facilmente leggibili dai telespettatori, anche su televisori di media grandezza”.

A commento della serata trascorsa dietro le quinte del Teatro Ariston, nella stanza del televoto, insieme al notaio ed ai funzionari addetti alle operazioni, Massimiliano Dona aggiunge: “le operazioni si sono svolte regolarmente ed anche l’errore commesso da Gianni Morandi nell’annunciare il numero telefonico da utilizzare per votare tramite telefono fisso non ha pregiudicato gli esiti della gara, considerato che per i giovani in concorso si è aperta una un’unica sessione valida per tutti i concorrenti ed anche alla luce dell’andamento dei voti che ho potuto monitorare dai terminali”.

L’avvocato Dona precisa: “naturalmente le verifiche che siamo in grado di fare durante la serata coprono solo in parte il meccanismo del televoto in quanto alcuni accertamenti, come ad esempio quelli riguardanti l’eventuale utilizzo fraudolento di call center, potranno essere richiesti solo in un secondo momento agli operatori telefonici, trattandosi di verifiche ex post che comunque seguiremo con attenzione”.

“Resta di buono -conclude Dona- che, proprio grazie a questa edizione del Festival, agli annunci che il presentatore è tenuto a fare su espressa indicazione dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), al nuovo regolamento emanato dall’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM) ed alla nostra presenza dietro le quinte, i telespettatori sono più consapevoli nel momento in cui utilizzano servizi a sovrapprezzo come il televoto”.

 

 

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori