SICUREZZA: come scegliere i cibi estivi senza rischi

commenta  |   stampa  |  pdf

In estate, con l’aumento delle temperature, crescono i rischi di infezioni alimentari, ma bastano alcuni accorgimenti per scegliere in sicurezza. I consigli dell’Unione Nazionale Consumatori…

Roma, 8 luglio 2015 – “Prodotti conservati in maniera inadeguata, la catena del freddo non rispettata, bibite lasciate sotto il sole e poca attenzione all’igiene: molti consumatori ci scrivono per denunciare le carenze di bar, chioschi e ristoranti nelle località di villeggiature. Non possiamo certamente generalizzare, ma è importante che i consumatori tengano gli occhi aperti e prendano alcune precauzioni per evitare fastidiosi inconvenienti che potrebbero rovinare le vacanze”. E’ quanto dichiara Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (http://www.consumatori.it), denunciando il rischio di infezioni alimentari in questo periodo dell’anno.

“L’igiene è naturalmente il primo aspetto a cui prestare attenzione -afferma Dona (segui @massidona su Twitter)– i bagni spesso sono il miglior biglietto da visita dei locali in cui vi fermate a mangiare! Occhio anche al modo di servire del negoziante: toccare il cibo con le mani non è consentito (esistono le apposite palette), così come sarebbe preferibile che nel servire una bibita non si  prendesse il bicchiere dall’alto. Diffidate, inoltre, dal negoziante che serve i clienti, ma sta anche alla cassa… Prestate attenzione, poi, alle modalità di conservazione dei cibi: carrelli con cibi freddi, conservati a lungo a temperatura ambiente, specie se con gelatine, creme, maionese, mascarpone, salse e uova non sono sicuri. Occhio anche ai congelatori: per una corretta conservazione, infatti, non devono essere stracolmi di roba.”

“Rinunciare al gelato -aggiunge Massimiliano Dona- nel periodo estivo non è facile, ma è bene scegliere con attenzione: a differenza dei cibi congelati, quelli surgelati, hanno dei cristalli di ghiaccio più piccoli, microscopici che, proprio per le loro dimensioni, non producono danni alle pareti delle cellule del prodotto. Se, quindi, notate che l’alimento ha dei cristalli di ghiaccio più grandi, della brina, questo può essere un sintomo dell’interruzione della catena del freddo. Insomma, se il gelato perde la sua compattezza e cremosità e diventa come la brina: buttatelo! Nel caso del classico bastoncino di crema ricoperto di cioccolato si può notare la fuoriuscita della crema dall’involucro.”

Per maggiori informazioni leggi il nostro Decalogo sui cibi sicuri in vacanza

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori