TELEFONIA: condannata Wind dall’Autorità Antitrust

6 commenti  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha condannato la compagnia telefonica Wind ad una sanzione di 200 mila euro in seguito ad una segnalazione dell’Unione Nazionale Consumatori, risalente al marzo scorso. 

Roma, 11 novembre 2014 – “E’ ora di finirla con le promesse di pulcinella degli operatori telefonici, bravi a lanciare offerte mirabilanti, poi modificate con messaggi sms a tradimento!”. Con queste parole, Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori, commenta il vittorioso esito del procedimento avviato dall’Autorità Antitrust a carico di Wind, dopo una segnalazione della stessa UNC.

“La decisione dell’Antitrust che condanna WIND al pagamento di 200 mila euro -spiega Dona (segui @massidona su Twitter)– consegue al comportamento posto in essere dall’operatore che ha rimodulato unilateralmente il piano tariffario agevolato, in relazione al quale lo stesso professionista aveva indicato una durata predeterminata. Il caso si riferisce alla promozione “Wind all inclusive digital Special Edition”, offerta a prezzo fisso per la durata di 5 anni e modificata poi prima del decorso di tale termine”.

“In pratica -spiega Dino Cimaglia, membro del Direttivo UNC- Wind modificava le condizioni contrattuali dell’offerta  ‘WIND All inclusive Digital Special Edition’, aumentando il prezzo mensile da 5,04 euro a 7 euro (circa il 40%), rendendo note tali variazioni solo con un sms inviato ai clienti (e con un avviso sul proprio sito), ma non permettendo agli utenti di mantenere le originarie condizioni”.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Rita

Ovviamente scorretti per non usare una definizione più concreta.
Che dire allora di TIM con la quale ho attualmente un contratto che a detta del venditore dice 12 Euro mensili..in realtà sono 12 euro ogni 4 settimane (28gg) così si prendono una mensilità in più…..se non è frode questa!!!

Giorgio Allulli

Wind ha fatto retromarcia sui 7 euro ma continua ad applicare 29 centesimi al minuto, contro i 17 che facevano parte del contratto quinquennale. Che dice di questo l’Autority?

Valentina

Il “per sempre” di Vodafone per la tariffa “Smart 350 limited edition” a 9,90€/mese poi passato insindacabilmente a 12,99€/mese dovrebbe avere lo stesso esito. Sono associata, ho fatto richiesta ma non ho avuto più vostre notizie in merito.

Unione Nazionale Consumatori
Unione Nazionale Consumatori

Gent.ma Valentina, la Sua email risale al 12 novembre mentre la nostra risposta è del giorno successivo.
Resta, quindi, quanto comunicato: ad oggi non ci sono sviluppi ma può consultare la pagina dell’Autorità Antitrust a questo link http://www.agcm.it/consumatore/consumatore-delibere.html

cortes

ne e’ piena di malefatte il curricula di wind.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori