UBER: su Uber-Pop, intervenga il Governo

1 commento  |   stampa  |  pdf

Il Tribunale di Milano ha respinto l’istanza di sospensione del blocco dell’ app “Uber-pop” presentata dalla società, secondo l’Unc la vicenda non può essere risolta nelle aule di giustizia

Roma, 10 giugno 2015 – “Il tribunale di Milano ha respinto l’istanza di sospensione del blocco della app “Uber-pop” presentata dalla società, dopo il provvedimento di inibitoria del servizio dello scorso 26 maggio per concorrenza sleale nei confronti dei taxi. La società deve disattivare il servizio entro oggi.

“La soluzione non può che essere politica. Non possono essere i giudici a dipanare la matassa. E’ evidente che il vuoto normativo, messo in evidenza anche dall’Autorità dei trasporti, non può essere colmato a suon di sentenze, nelle aule di giustizia. I giudici, infatti, non possono applicare leggi vecchie e superate” ha dichiarato Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.

“E’ evidente che se si pretende di inserire Uber o negli articoli sui taxi o in quelli che disciplinano il noleggio con conducente, si può sempre trovare qualcosa che non va. Peccato che anche l’Authority abbia qualificato Uber come una terza formula di trasporto non di linea: i servizi tecnologici per la mobilità. La sharing economy, insomma, è una cosa nuova e diversa, che va normata. Per questo chiediamo a Governo e Parlamento di accogliere le proposte dell’Autorità dei trasporti, inserendo le modifiche nel ddl concorrenza ora in discussione alla Camera” ha concluso l’avv. Dona.

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Chiara

Auguro agli italiani che il governo faccia al più presto chiarezza sulla questione mettendo la parola ‘fine’ alle assurde pretese di monopolio da parte dei tassisti che non hanno ancora capito che il cliente-tipo di UberPop in genere non utilizza il taxi per gli spostamenti.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori