UNIONE CONSUMATORI – La piaga delle targhe clonate

commenta  |   stampa  |  pdf

Comunicato stampa dell’Unione Nazionale Consumatori

Roma, 8 gennaio 2009 – Soprattutto a causa delle targhe “clonate”, ma anche per errori degli agenti stradali, migliaia di automobilisti continuano a ricevere multe da città in cui non sono mai stati. E’ quanto denuncia l’Unione Nazionale Consumatori secondo la quale specialmente le targhe clonate stanno diventando una vera e propria piaga contro la quale l’automobilista danneggiato è praticamente impotente. Le contravvenzioni arrivano soprattutto da Napoli e si tratta di false targhe che riproducono quelle vere con un affare lucroso per la malavita. In teoria, spiega l’Unione Consumatori, ai sensi dell’art. 386 del DPR n. 495/1992 (regolamento del Codice della strada) l’automobilista innocente può fare ricorso allo stesso Comando (di Vigili urbani, Carabinieri o Polizia) che ha emesso la contravvenzione, dichiarando che si tratta di “notificazione del verbale a soggetto estraneo” e chiedendone l’archiviazione. Il Comando potrebbe accertare facilmente che si tratta di soggetto estraneo poiché nella “prima nota” sulla quale si rileva l’infrazione e si costruisce poi il verbale dovrebbe essere indicato sia il numero di targa sia il tipo di macchina e l’automobilista dovrebbe essere proprio sfortunato se, oltre alla targa, coincide anche il tipo di macchina. Ma nella prima nota, afferma l’Unione Consumatori, gli agenti quasi mai indicano il tipo di macchina, anche perché i modelli sono ormai tantissimi (ce ne sono 1038 a benzina e 473 a gasolio, per le sole auto in produzione, senza contare quelle fuori produzione), nessuno è in grado di riconoscerli tutti. Da qui nasce la situazione disperata dell’automobilista innocente, che continua a ricevere le contravvenzioni, ma non essendo possibile il confronto del modello dell’auto con la relativa targa, il ricorso viene respinto, a meno che l’innocente multato non esibisca la prova documentale che in quel giorno e in quella tale ora non si trovava con la sua auto a Napoli, ma in altra parte d’Italia o del mondo. Ma quale potrebbe essere una prova documentale – si chiede l’Unione Consumatori? Non si sa, quindi occorrerebbe un decreto che stabilisca un rimedio semplificato.

Roma, 8 gennaio 2009

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori