TURISMO: vacanza rovinata cosa fare per chiedere il risarcimento

2 commenti  |   stampa  |  pdf

I consigli dell’Unione Nazionale Consumatori per ottenere il rimborso in caso di disservizi turistici

Roma, 30 marzo 2016. “Come ogni anno, al termine delle vacanze di Pasqua, le nostre scrivanie sono invase dalle segnalazioni di viaggiatori che hanno subito disservizi turistici”. Ad affermarlo è Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Unione Nazionale Consumatori (UNC). “Ritardi aerei, strutture alberghiere inadeguate e bagagli smarriti sono solo alcuni dei disagi più comuni denunciati dai consumatori. Questi imprevisti trasformano spesso momenti di gioia e relax in veri i propri incubi”, afferma Dona. “Il termine vacanza rovinata usato per identificare il danno corrispondente al disagio psico-fisico subito dal turista per non aver goduto pienamente delle proprie ferie -spiega il Segretario generale di UNC- è ormai riconosciuto da anni come il diritto a ottenere un risarcimento nel caso in cui negligenze o ritardi non abbiano consentito di godere appieno delle proprie vacanze”.

“E’ bene ricordare -prosegue l’avvocato Dona- che una volta rientrati a casa si hanno 10 giorni lavorativi per inviare un reclamo con richiesta di rimborso a mezzo lettera raccomandata a.r. indirizzata all’agenzia di viaggi, al tour operator e per conoscenza alla nostra Unione Nazionale Consumatori. Inoltre -conclude il Segretario generale di UNC- è sempre bene conservare il catalogo, la documentazione di viaggio e tutto ciò che può dimostrare gli eventuali disservizi, in particolare se si tratta di un viaggio tutto compreso”.

Per ulteriori informazioni e assistenza contatta lo sportello turismo-viaggi

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

CUPOLO PAOLO

Ho noleggiato un auto dal Maggiore all’aeroporto di Genova sono stato fermato dalla gendarmeria di Montecarlo (mOnaco) ed ho scoperto che l’autovettura era prima di copertura assicurativa scaduta 1.01.2016 come da tagliando esposto. Dopo lunghe discussioni (tra l’altro in francese) ho chiesto l’intervento di una persoma autorevole di Monaco che ha fatto si che non mi fermassero l’auto. Da quel momento ho cercato contatti con l’agenzia SENZA RISULTATI.\Ho riportato l’auto il giorno dopo con grande patema d’animo e rischi. Ho trasmesso una raccomandata alla sede centrale di Bolzano raccontando i fattoi con documentazione annessa. gradirei un parere . grazie distinti saluti

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buongiorno Paolo, per poterla aiutare avremmo bisogno di ulteriori informazioni. Ci scriva attraverso il nostro sportello Auto-Moto e i nostri consulenti valuteranno il suo caso. Ecco il link http://www.consumatori.it/sportello-auto-moto/
Grazie e buona giornata

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori