La nostra posizione sulla bolletta 2.0

9 commenti  |   stampa  |  pdf

A tre mesi dall’introduzione della Bolletta 2.0 per Elettricità e Gas possiamo fare una prima valutazione sugli aspetti positivi e negativi di questo nuovo strumento frutto dell’iniziativa dell’Autorità per l’energia con l’intento di semplificare e rendere più comprensibile la fattura.

Sicuramente l’eliminazione del quadro di dettaglio, che rendeva estremamente articolata e complessa la vecchia bolletta, aiuta i consumatori a concentrarsi sugli elementi essenziali che è fondamentale conoscere e comprendere per valutare la correttezza di fatturazione.

Altro elemento importante, che aggiunge chiarezza, è aver reso espliciti i costi per gli Oneri Generali di Sistema (incentivi alle fonti rinnovabili, smantellamento e messa in sicurezza delle centrali nucleari chiuse dopo il referendum del 1989, sconti tariffari alle imprese energivore, ecc ecc) che nelle vecchie bollette erano inglobati nei servizi di rete, determinando il fatto che quasi nessun consumatore sapeva cosa stava pagando. Infine è positivo aver previsto uno sconto per chi attiva il RID bancario e la bolletta on-line evitando così la postalizzazione della fattura cartacea, causa di molti disservizi per gli utenti.

A fronte di questi vantaggi registriamo però delle criticità, che già in fase di consultazione avevamo prospettato all’Autorità senza purtroppo ottenere i necessari aggiustamenti: così, purtroppo, resta ancora difficile da un lato rendersi conto di eventuali errori in fattura e comparare i vantaggi delle varie offerte: innanzi tutto non è stato reso obbligatorio l’inserimento della matricola del misuratore nei dati di fornitura cosa che rende difficile verificare la correttezza dei volumi fatturati di elettricità e gas. E non è tutto: non è immediato recuperare il quadro di dettaglio per verificare se ci sono errori sull’applicazione di alcune voci tariffarie. Per questo inviatiamo chi può ad attivare la propria pagina on-line sul sito del venditore in modo da avere un facile accesso a questa documentazione in caso di necessità.

Non è stato previsto inoltre, come da noi richiesto, l’obbligo di riportare in bolletta il valore del prezzo netto contrattuale del kWh, per l’elettricità, e dello Smc (Standard metro cubo) per il gas che è l’unica componente di prezzo di pertinenza del venditore e, quindi, l’unico valore che è necessario comparare per verificare se la proposta contrattuale è più o meno conveniente.

Autore: Marco Vignola
Data: 27 aprile 2016

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Maria Catena Marchese

Ho pagato a gennaio una bolletta eni gas di euro 382.42. A marzo altra bolletta eni gas di euro 128.27. Non avendo usato il riscaldamento per problemi di caldaia, ho comunicato la lettura del contatore. Miè arrivata una prima bolletta , da pagare entro il primo luglio di euro 20.75, di cui : fornitura gas 0, spese per la materia gas naturale 9.81, spesa per il trasportoe la gestione del contatore 11.50,spesa per gli oneri di sistema -4.50, altre partite 0.20, iva 3,74. Non ho pagato perchè ritengo che queste spese siano state già conteggiate nelle prime due bollette, ben al di sopra dei miei consumi abituali. Ho ricevuto ulteriore bolletta di euro 20.04 , con spese simili alla precedente bolletta e che risulta , ovviamente , non pagata. Non intendo pagare neanche questa per i motivi di cui sopra.Che succederà?

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buongiorno Maria Catena, scriva un’email ad energia@consumatori.it, i nostri esperti le daranno maggiori indicazioni, grazie!

Raffaele

Ho l’impressione che giriamo in tondo: Avevo postato un commento e mi avete rinviato ad altro Vs link.
Ma la domanda resta! I costi netti a kw/h non sono indicati e chiedo di nuovo: cosa Vi proponete di fare a riguardo?
Potrei inviarVi la bolletta, ma perchè farlo? Se fosse indicato il costo a kw/h due conti sono pure in grado di farlo tant’è che confrontando l’ultima vecchia e la prima nuova rilevavo un aumento di circa 25 € solo sul costo netto.
Se aspettate tempi migliori e restare inerti nel frattempo inutile ogni commento.

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Gentile Raffaele, come avrà sicuramente letto in alcuni degli articoli linkati la nostra posizione sulla bolletta 2.0 non è del tutto positiva e abbiamo più volte evidenziato le criticità; anzi siamo stati proprio noi a chiedere in fase di consultazione che l’Autorità mantenesse nella nuova bolletta il costo netto al kWh. Nelle vecchie bollette sono riportati tutti i costi delle singole componenti (sia per quanto riguarda i costi di distribuzione che per oneri generali e imposte); nella nuova bolletta non è più presente il dettaglio, che può essere richiesto, ma i venditori sono obbligati ad indicare il costo della componente energia.
Per un’analisi più dettagliata è necessario vedere le bollette, per questo motivo ci siamo permessi di chiedergliele; se lo ritenesse opportuno può scrivere ai nostri esperti all’indirizzo energia@consumatori.it.
Grazie e buona giornata!

Mogetta

E’ veramente assurdo!! Ho chiamato Enel in quanto non volevo cambiare fornitore di Energia Eletrica. Mi accordano un prezzo a KWh pari a 0,068. E’ coincisa la nuova bolletta 2.0. Faccio dei semplici calcoli del KWh fatturatomi diviso la voce spese per l’energia e proprio non coincide addirittura viene raddoppiato 0,068 che diventa 0,1027. Telefono ad Enel, non mi sanno rispondere e mi dicono io ho il dettaglio ma non lo posso inviare?!?! Siamo nel paese dei furbi, prepotenti e saccenti. Come può essere possibile che questo avvenga, perché non fate un’azione, una petizione, una protesta a mezzo stampa? Proponete ai vs. associati un articolo MOLTO DECISO e magari contribuiamo a acquistare una pagina di un importante quotidiano!

Raffaele

E’ quello che stò chiedendo ma nessuna risposta concreta!

midali

non si capisce nulla, all’infuori dell’importo e della scadenza
non avrei mai pensato che la causa di questa confusione venga da voi

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buonasera, ci dispiace molto che non abbia trovato utile il nostro articolo. Tenga conto che questo è un commento alle novità che riportiamo più nel dettaglio in questo articolo: http://www.consumatori.it/energia-ambiente/cambia-bolletta-2-0/#.VyItMfmLRD8
Se ritiene siano necessario fare ulteriori approfondimenti ci proponga pure su quali aspetti e saremo ben lieti di chiarire l’articolo; se invece ha bisogno di assistenza per un caso specifico può scrivere all’indirizzo email energia@consumatori.it.
Grazie del tempo che ci ha dedicato.

midali

vi allegherò nel prossimo email le due nuove fatture, voi sarete
certamente in grado di darmene spiegazioni. grazie!

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori