Consumi notturni e festivi

1 commento  |   stampa  |  pdf

E’ vero che i consumi notturni e festivi di corrente elettrica con le tariffe del Mercato di Maggior Tutela non sono più convenienti come veniva pubblicizzato tempo fa?

Tre anni fa, quando l’Autorità per l’energia istituì i prezzi elettrici biorari, l’energia elettrica era più cara nelle ore di giorno dei giorni lavorativi e meno cara il sabato, nei giorni festivi e nelle ore serali e notturne.

Con l’immissione di elettricità prodotta da fotovoltaico la situazione si è capovolta. L’elettricità è diventata più cara nelle ore serali (dalle 19 alle 22), quando la produzione fotovoltaica cessa e l’elettricità è prodotta dalle centrali a gas, che, in quelle ore è molto cara.

Quindi attualmente non è più conveniente spostare i consumi elettrici nelle ore serali.

Siamo in attesa che l’Autorità per l’energia, come hanno chiesto le Associazioni Consumatori intervenga per modificare le fasce orarie in modo che i consumatori sappiano se e quando l’energia elettrica costa meno.

I Prezzi Biorari sono obbligatori per i clienti domestici del Mercato di Maggior Tutela, mentre l’elettricità con il Prezzo Monorario è offerta sul Mercato Libero da molte Società di Vendita.

(Pieraldo Isolani)

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori