Contratto Mercato Libero

commenta  |   stampa  |  pdf

Ho accettato un nuovo contratto di fornitura di elettricità (o di gas) sul Mercato Libero, ma non sono convinto di aver fatto bene, perché le informazioni ricevute dall’operatore non erano complete. Cosa posso fare per rimediare?

Lo sforzo per conquistare nuovi clienti per il Mercato Libero ha spinto le Società di Vendita ad approntare tecniche di vendita molto spinte ed aggressive verso i clienti, specialmente nei confronti delle persone anziane particolarmente vulnerabili. Queste pratiche commerciali sono scorrette e possono portare alla conclusione di contratti non richiesti ed alla conseguente attivazione di forniture di elettricità o gas non desiderate.

Per contrastare questo fenomeno l’Autorità per l’energia ha emesso una Delibera dove si afferma che il nuovo contratto acquista piena validità solo dopo che il cliente lo abbia confermato rispondendo positivamente ad una telefonata di conferma (Check Call) o ad una Lettera di Benvenuto (Wellcome Letter).

Entro 10 giorni dalla ricezione di una delle due suddette comunicazioni, il cliente può esercitare il Diritto di Ripensamento, scrivendo una lettera alla Società per disdire il contratto: in questo caso il contratto non sarà attivato senza oneri per il cliente.

Se, invece sono trascorsi i 10 giorni ed il nuovo contratto è già stato attivato, occorre disdettare il contratto rivolgendosi ad una nuova Società di Vendita, oppure alla Società che rifornisce i clienti del Mercato Tutelato, che provvederà a fare tutte le pratiche necessarie: occorreranno due o tre mesi prima che sia concluso l’iter burocratico e la nuova scelta del cliente diventi operativa.

(Pieraldo Isolani)

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori