Sostituzione pavimento

1 commento  |   stampa  |  pdf

Sto programmando la sostituzione della vecchia pavimentazione della mia abitazione. Ho sentito parlare che potrebbe essere conveniente trasformare il vecchio impianto di riscaldamento a termosifoni ed istallarne uno a pavimento a bassa temperatura. E’ possibile? Quanto costa?

Il riscaldamento a bassa temperatura con pannelli radianti, a pavimento o a parete, offre numerosi vantaggi rispetto a quello con i radiatori tradizionali.

Il riscaldamento tradizionale consuma molta energia sia perché ha bisogno di acqua calda a circa 70-80° e poi perché riscalda prima l’aria del soffitto e poi quella sottostante dove vivono le persone. Il riscaldamento a pannelli radianti, invece, utilizzando l’irraggiamento dal basso, ha bisogno di una temperatura dell’acqua di soli 30-40°, distribuisce in modo più uniforme ed efficiente il calore nei locali della casa e la caldaia ha bisogno di produrre minore energia per garantire lo stesso livello di comfort.

Il riscaldamento a pavimento consiste in una serpentina di tubo flessibile che viene annegata nel massetto di posa delle piastrelle, all’interno della quale circola acqua a bassa temperatura. Per questo motivo, negli edifici esistenti, per ridurre i costi è consigliabile l’installazione allorquando si prevede il rifacimento della pavimentazione della casa.

Inoltre, al riscaldamento a pavimento può essere utilmente abbinata la caldaia a condensazione ed eventualmente l’acqua calda riscaldata da pannelli solari termici, così da ridurre anche del 70% il consumo di energia, rispetto al riscaldamento a termosifoni.

(Pieraldo Isolani)

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori