Disciplinare sulla qualità ottica e visiva

commenta  |   stampa  |  pdf

895 (Sdc – nov. 2014) – Assovetro, l’Associazione Nazionale dei Produttori di vetro, già nel 2009 ha perfezionato il Disciplinare sugli standard qualitativi ottimali per l’accettazione e la validazione dei prodotti vetrari, con la finalità di fornire un pratico strumento informativo per il consumatore finale circa le tipologie dei difetti che possono essere accettati in un vetro e quelli che possono essere, invece, oggetto di contestazione. Nel febbraio 2011, vista la mancanza di una norma specifica che delineasse, appunto, i criteri di accettabilità delle vetrate isolanti e considerata l’opportunità di ridurre tutte le divergenze sull’aspetto ottico e visivo, il Disciplinare è stato recepito nel Rapporto Tecnico UNI/TR 11404. Tale documento può rappresentare concretamente un opportuno riferimento da richiamare in sede contrattuale, al fine di evitare la nascita di contenziosi successivi alla messa in opera del prodotto vetrario presso l’utente finale.

Esso fornisce tutti gli elementi affinché il consumatore finale possa verificare se il manufatto fornitogli rientri o meno nei limiti delle imperfezioni tollerabili (da non considerare, quindi, come difetti), oppure, al contrario, debba contestare la fornitura, richiedendo la sostituzione del prodotto vetrario difettoso, sempre che le condizioni di qualità della lastra siano state concordate contrattualmente.

 

Disciplinare-qualità-ottica-visiva

 

Il Disciplinare, in relazione al tipo di prodotto in esame (lastra monolitica, vetrata isolante, ecc.) adotta una distinzione in zone della vetrata (zona di battuta [B], zona bordo perimetrale [P] e zona principale di visione [V], e per ciascuna zona (come riscontrabile nell’immagine) chiarisce le tolleranze in riferimento alla presenza dei difetti caratteristici che sono di seguito riportati: (a) conchiglie e residui di scaglie; (b) inclusioni, bolle, punti e macchie; (c) residui puntiformi nell’intercapedine di vetrate isolanti; (d) residui superficiali nell’intercapedine di colore bianco-grigiastro trasparente; (e) graffi e graffi capillari.

L’utente finale, tramite una tabella di semplice lettura, in relazione al determinato prodotto in esame, è in grado di capire, al momento della consegna della lastra, se le imperfezioni sul vetro siano tollerabili o siano da considerarsi difetti, evitando contestazioni successive all’installazione del serramento.

Con questa pubblicazione Assovetro ha quindi voluto rispondere alle aspettative di chiarezza informativa a vantaggio del consumatore e di tutti gli operatori della filiera, premiando la crescente attenzione del cittadino e del consumatore verso la funzionalità, la durabilità e la qualità delle prestazioni dei prodotti vetrari installati nella sua abitazione.

Autore: Assovetro
Data: 26 novembre 2014

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori