Denunciata Amazon Prime per la “prova” gratuita

25 commenti  |   stampa  |  pdf

1138 (Sdc – nov. 2015) – Negli ultimi giorni, Amazon sta promuovendo con spot televisivi e sul sito internet il servizio Amazon Prime, spiegando le opportunità del servizio offerto con un forte incentivo rivolto ai consumatori a sperimentarlo: “perché non provarci? Provalo gratis per 30 giorni”. Solo in caratteri microscopici (e comunque visualizzati con una tempistica tale da renderli illeggibili), però si spiega: “Dopo i primi 30 giorni, l’iscrizione prosegue automaticamente a pagamento per EUR 19,99 l’anno”.

Per questo motivo abbiamo denunciato la società di commercio elettronico all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, chiedendo che valutino tempestivamente legittimità di questa pratica, anche perché sono molte le aziende che ultimamente stanno utilizzando questo meccanismo di opt-out per le nuove promozioni, che poi mutano in un servizio a pagamento.

Non è corretto infatti porre a carico del consumatore l’onere di disattivare l’iscrizione onde evitare il pagamento, non solo: la visione dello spot induce i consumatori ad attivare il servizio credendo che si tratti di una semplice prova, invece si ritroverà con un’attivazione automatica!

Autore: Eleonora Iacobelli
Data
: 25 novembre 2015

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

atra

Non sono corretti per questo motivo ed anche perchè non effettuano nessun controllo sui corrieri. Nella mia zona di consegna, il servizio ormai affidato quasi esclusivamente a poste italiane non funziona perchè le poste non consegnano a domicilio e lasciano l’avviso di mancato recapito dopo tre giorni, senza aver effettuato nessun tentativo di consegna. I risultato è che da da mesi ormai nessun pacco spedito con corriere poste italiane viene consegnato nel termine promesso di un giorno, ma debbo andare a ritirarlo all’ufficio postale di zona con perdita di tempo e code, visto che non esiste alcuna corsia preferenziale per il ritiro. Esiste la possibilità di scegliere la consegna ad un punto di ritiro, esclusivamente uffici postali, ma in tal caso i tempi di consegna si alzano automaticamente a tre giorni e si ricade precisamente nel caso precedente, quindi si finisce per pagare un servizio di fatto non offerto. Anche per questo andrebbero denunciati, loro e poste italiane.

bi

In un mondo perfetto tutti leggono gli abbonamenti dall’inizio alla fine, ma in un mondo perfetto per sottoscrivere un abbonamento si espime un consenso, non lo si omette. Trovo questa iniziativa di UNC giusta e rivolta alla tutela dei consumatori. Non mi reputo una sprovveduta, ma sono tra le persone che hanno sottoscritto senza saperlo il contratto e l’addebito alla scadenza. Ho richiesto la cancellazione ad Amazon ma, comunque vada a finire, dopo questa esperienza penso che per i miei prossimi acquisti mi rivolgero’ ad altri siti.

Massimo

Non trovo corretto che scaduti i 30 giorni Amazon si prenda la libertà di prelevare soldi dalla tua carta di credito. Un pagamento deve SEMPRE essere ESPLICITO e con ESPLICITO consenso del pagatore cliente. Sono queste cose che fanno perdere fiducia in questi elefanti del e-commerce, che fino ad ora mi è sempre andato bene. Inoltre, incavolato per questo fatto, ho cercato di eliminare l’account, e la cosa risunta veramente difficile, quasi impossibile! ma perchè?! perchè non si è liberi di avere o meno dei rapporti con queste società multimiliardarie senza per forza venir fregati?

Antonio

Salve a tutti,
sono d’accordo con voi nel dire che come sotterfugio, anche io uso amazon prime da oramai 3 anni e se devo essere sincero quei 19,90 euro annuali sono spesi bene e recuperati se penso che ogni spedizione avrei dovuto pagare 9/10 euro avrei speso oltre 100 euro in un anno, inoltre hai anche il vantaggio che la merce ti arriva il giorno dopo l’acquisto se lo fai entro le 18:00 del giorno prima.

E vero cé una spesa ma và tutto a vantaggio del non pagare altre spedizioni sui prodotti prime tutto l’anno ed avere la merce subito il giorno dopo, questa e la mia esperienza poi naturalmente ognuno la pensa come vuole.

Bruno

Ho attivato più di un mese fa la prova gratuita di Amazon Prime che ha funzionato a meraviglia. Ho provveduto alla revoca della stessa un paio di giorni prima della scadenza senza alcun problema, ricevendo da Amazon le relative conferme di disattivazione.
È’ buona norma, utilizzando i siti di shopping on line, leggere sempre, con attenzione le CONDIZIONI DI UTILIZZO. Se i siti sono serii e professionali, e a mio parere Amazon e’ tra i migliori, nella maggior parte dei casi non si hanno problemi.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori