L’esperto risponde su… biologico

1 commento  |   stampa  |  pdf

1106 (Sdc – ott. 2015) – I nostri esperti rispondono alle domande più frequenti dei consumatori. La domanda di oggi è: in questo periodo di ristrettezze economiche ho chiesto a mia moglie di risparmaire un po’ anche sulla spesa, ma lei non vuole rinunciare ai prodotti biologici sostenendo che la qualità e la maggiore sicurezza giustificano il costo più elevato. E’ davvero così?

Indubbiamente il biologico ha caratteristiche di qualità che permettono di ritornare ai valori della tradizione, ma il livello di sicurezza è analogo a quello degli alimenti convenzionali. In concreto, le produzioni biologiche seguono cicli produttivi naturali senza il ricorso a sostanze chimiche “xenobiotiche” e quindi viene evitata la presenza di residui di pesticidi, fitofarmaci, farmaci veterinari; negli alimenti convenzionali, in ogni caso, l’eventuale presenza di questi residui è molto contenuta e comunque sempre al di sotto dei limiti di sicurezza che sono stati stabiliti dalle autorità sanitarie nazionali e comunitarie. Il vero problema è che le sostanze chimiche naturali (micotossine, prodotti di degradazione) ed i microrganismi (virus, batteri, parassiti, funghi) di origine ambientale (che possono essere alla base delle tossinfezioni alimentari) possono essere presenti sia negli alimenti biologici sia in quelli convenzionali. A far lievitare i costi del biologico contribuiscono le norme comunitarie che impongono una “certificazione”, le cui spese devono essere sostenute direttamente dai produttori. Ridurre i costi per le certificazioni (rendendole anche più efficienti), contenere le spese di gestione per i produttori e accorciare ulteriormente la filiera aiuterebbe, perlomeno, a rendere il biologico meno elitario.

Autore: Agostino Macrì
Data: 14 ottobre 2015

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Pier Luigi Perissinotto

Più semplicemente commenterei che i possibili maggiori costi della produzione biologica riguardano un diverso impegno per le utili tecniche agronomiche e di lavoro necessarie per l’ottenimento spesse volte di una minore produttività dei beni oggi alla portata di tutti. Anche per le fasi di elaborazione, magazzinaggio e distribuzione i relativi oneri aumentano in considerazione della relativa scala minore. Solo una piccola parte di questi costi aggiuntivi si trasferiscono sul prodotto finito. Non dimentichiamo che rispetto al convenzionale i consumatori beneficiano di un prodotto di qualità regolamentata il cui servizio ha ricadute positive sull’ambientale, sul benessere degli animali e per altri importanti aspetti di natura nutrizionale e socio-economica.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori